LEGGE 119 del 10 marzo 2020

LEGGE 119 del 10 marzo 2020

che modifica alcune leggi nel campo della regolamentazione delle attività sui mercati finanziari

Il Parlamento ha approvato la seguente legge della Repubblica ceca:

PRIMA PARTE

Modifica al Capital Market Business Act
Arte. E

241/2013 Coll., Legge n. 303/2013 Coll., Legge n. 135/2014 Coll., Legge n. 336/2014 Coll., Legge n. 375/2015 Coll., Legge n. 148/2016 Coll. , Legge n. 183/2017 Coll., Legge n. 204/2017 Coll., Legge n. 307/2018 Coll., Legge n. 111/2019 Coll. e la legge n. 204/2019 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 1 (1), la virgola dopo la parola “mercato” è sostituita dalla parola “e” e le parole “e l’offerta al pubblico di titoli di investimento” sono eliminate.

2. Nella nota 1, la quarta frase è cancellata.

3. Nella nota 2, la prima frase è soppressa e alla fine della nota 2, la frase “Regolamento (UE) 2017/1129 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2017, sul prospetto da pubblicare quando i titoli sono offerti al pubblico o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato e che abroga la direttiva 2003/71 / CE. “.

4. Al § 1 paragrafo 3, alla fine della lettera i) la parola “a” è sostituita da una virgola, alla fine del paragrafo il punto è sostituito dalla parola “a” e la lettera l) è aggiunta, che , inclusa la nota n. 66, recita:

“( L) diritto dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina il prospetto da pubblicare quando i titoli sono offerti al pubblico o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato ( 66 ).

66 ) Regolamento (UE) 2017/1129 del Parlamento europeo e del Consiglio. “.

5. Nel § 2 (1), alla fine della lettera w) la parola “a” è cancellata, alla fine della lettera x) il punto è sostituito dalla parola “a” e la seguente lettera y) è aggiunta :

“( Y) svolgere attività di intermediazione in strumenti di investimento significa condurre attività in modo consistente in:

1. offrire la possibilità di organizzare una negoziazione in strumenti di investimento o fornire un servizio di investimento per conto di un fornitore di servizi di investimento o per conto di un cliente,

2. presentare proposte per organizzare il commercio di strumenti di investimento o fornire un servizio di investimento per conto del fornitore di servizi di investimento o per conto del cliente,

3. svolgimento di lavori preparatori volti a organizzare uno scambio di strumenti di investimento o fornire un servizio di investimento per conto del fornitore di servizi di investimento o per conto di un cliente, compresa la fornitura di raccomandazioni che portino alla negoziazione di tale scambio o servizio,

4. organizzazione del commercio di strumenti di investimento o organizzazione della fornitura di servizi di investimento per conto del fornitore di servizi di investimento o per conto del cliente, o

5. assistenza nell’esercizio dei diritti e degli obblighi nella negoziazione di scambi di strumenti di investimento o nella prestazione di servizi di investimento per conto del fornitore di servizi di investimento o per conto del cliente. “.

6. Nel § 2a (1), la lettera i) recita:

“( I) un’altra persona che svolge attività sul mercato finanziario in virtù di un’autorizzazione concessa dall’autorità di vigilanza sui mercati finanziari,

1. un agente collegato ai sensi della presente legge,

2. un agente collegato e un intermediario del credito al consumo vincolato ai sensi della legge che disciplina il credito al consumo,

3. un agente collegato ai sensi della legge che disciplina il risparmio previdenziale complementare, e

4. un agente collegato e un intermediario assicurativo complementare ai sensi della legge che disciplina la distribuzione di assicurazioni e riassicurazioni ».

7. Nel § 2a (3), prima frase, le parole “paragrafi 1 a” sono sostituite dalle parole “paragrafi 1 o” e nella seconda frase, la parola “secondo” è sostituita dalla parola “primo”.

8. Nel § 4, il paragrafo 4 recita:

” (4) Per la fornitura di un servizio di investimento, la ricezione e la trasmissione di istruzioni riguardanti strumenti di investimento ai sensi del paragrafo 2 (a) (a) ai fini della presente legge, deve essere considerata anche la mediazione delle negoziazioni in strumenti di investimento. “.

9. Nella sezione 10 (1) della parte della frase dopo il punto e virgola, le parole “agisci come” sono sostituite dalla parola “forma”.

10. Nella sezione 10d (3), prima frase, la parola “working” è inserita dopo il numero “50.”.

11. Al § 14a è aggiunto il seguente paragrafo 3:

” (3) Il paragrafo 2 non si applica a una persona che, nel contesto della prestazione di servizi di investimento, tratta esclusivamente con le persone di cui alla sezione 2a (1) o (2) o alla sezione 2b.”.

12. Nella sezione 15 (4) della parte introduttiva della disposizione, le parole “è ammissibile” sono sostituite dalle parole “ai sensi del paragrafo 3 è ammissibile, solo”.

13. Nella sezione 15d (1), alla fine della lettera d), la parola “a” è sostituita da una virgola, alla fine del paragrafo, il punto è sostituito dalla parola “a” e dalla lettera seguente f) è aggiunto:

” (F) un sistema di risarcimento del cliente e un sistema di garanzia dei depositi relativo alle attività del cliente, compreso l’importo e la portata della copertura fornita dal sistema di risarcimento del cliente; il commerciante di valori mobiliari informa il cliente, su sua richiesta, delle condizioni per il risarcimento, della procedura per richiedere il risarcimento e del relativo pagamento. “.

14. Nella sezione 17 (2), prima frase, le parole “che includono l’accettazione, la trasmissione o l’esecuzione di istruzioni di un cliente” sono sostituite dalle parole “fornite al cliente”.

15. Nella Sezione 24, Paragrafo 5, la parola “a” è sostituita da una virgola alla fine della lettera d), alla fine del paragrafo il punto è sostituito dalla parola “a” e dalla successiva lettera f) è aggiunto:

” F) soddisfa le condizioni ai sensi della Sezione 14a (2).”

16. Nel § 25, il paragrafo 1 recita:

” (1) Una persona straniera autorizzata dall’autorità di vigilanza di un altro Stato membro dell’Unione europea a fornire servizi di investimento può, in conformità con il diritto dell’Unione europea, fornire servizi di investimento nella Repubblica ceca senza una succursale, per la quale è autorizzato dall’autorità di vigilanza dello Stato di origine o occasionalmente, se i servizi di investimento non sono forniti a clienti professionali ai sensi della Sezione 2a, ai quali i servizi di investimento possono essere forniti in questo modo su base permanente. La Banca nazionale ceca informa questa persona senza indebito ritardo di aver ricevuto dati dall’autorità di vigilanza dello Stato di origine in merito alla prevista fornitura di servizi di investimento da parte di tale persona nella Repubblica ceca. “.

17. Nel § 28a paragrafo 1 let. g) il punto 3 è sostituito dal seguente:

” 3. garantire che le persone attraverso le quali svolge l’attività di questo ramo siano pienamente indipendenti, affidabili e abbiano le necessarie conoscenze, capacità ed esperienza”.

18. Nel § 30 paragrafo 1 let. g) punto 3 e al § 30 comma 2 lett. d) al punto 3, i termini “professionalmente qualificato” sono sostituiti dai termini “possiedono le conoscenze, le capacità e l’esperienza necessarie”.

19. Al § 30 paragrafo 2 lettera f) si legge:

” (F) quella persona dispone di una casella dati per l’attività di una persona fisica; nel caso in cui la domanda sia presentata da una persona fisica che non è ancora un imprenditore, tale persona dovrà richiedere l’istituzione di una casella dati di una persona fisica impegnata in attività senza indebito ritardo, entro e non oltre 30 giorni dalla data di entrata in vigore della decisione dell’intermediario per gli investimenti.

20. Nel § 30b, il paragrafo 4 recita:

« (4) L’autorizzazione a operare come intermediario per gli investimenti scade

a) alla scadenza del periodo di autorizzazione di cui al paragrafo 1, salvo proroga conformemente al paragrafo 2,

b) morte di una persona fisica,

c) scioglimento di una persona giuridica,

(d) concedendo l’autorizzazione a un intermediario per gli investimenti a operare come commerciante di valori mobiliari, o

e) revocando la licenza per operare come intermediario per gli investimenti (Sezione 145). ”.

21. Nel § 32, alla fine del paragrafo 5, la frase “Le disposizioni del § 14a paragrafo 2 non si applicano a una persona che, nell’ambito della fornitura di servizi di investimento, tratta esclusivamente con le persone di cui al § 2a paragrafo 1 o 2 o § 2b. “Viene aggiunto.

22. Nel § 32a paragrafo 1 let. (a) il testo “(h)” è sostituito dal testo “(i)”.

23. Il titolo della parte quarta recita: “ALCUNE DISPOSIZIONI RELATIVE AL PROSPETTO”.

24. Nella parte quarta, la designazione e il titolo del titolo I sono soppressi.

25. Le sezioni 34 e 35, compresi i titoli, recitano come segue:

㤠34

Responsabilità per il contenuto del prospetto
(1) La persona che ha redatto il prospetto e il garante, se indicato nel prospetto e ha garantito l’accuratezza delle informazioni, è responsabile dell’accuratezza e della completezza delle informazioni fornite nel prospetto. Se più persone hanno redatto insieme il prospetto, ciascuna di tali persone è responsabile del contenuto del prospetto. Il prospetto deve contenere informazioni sulle persone responsabili della corretta redazione del prospetto e una dichiarazione che, per quanto a loro conoscenza, le informazioni contenute nel prospetto sono corrette e che non sono stati occultati fatti che potrebbero modificare il significato del prospetto .

(2) La persona di cui al paragrafo 1 è responsabile dell’accuratezza delle informazioni fornite nella nota di sintesi del prospetto in conformità con il regolamento direttamente applicabile dell’Unione europea che disciplina il prospetto da pubblicare all’offerta pubblica o all’ammissione di titoli alla negoziazione in un mercato regolamentato 66 ) solo se la nota di sintesi è un prospetto fuorviante o impreciso se interpretata congiuntamente ad altre parti del prospetto, o se la nota di sintesi del prospetto, interpretata congiuntamente ad altre parti del prospetto, non contiene informazione.

(3) Le persone di cui al paragrafo 1 sono responsabili dell’accuratezza e della completezza delle informazioni contenute nel documento di registrazione o nel documento di registrazione universale, se tale documento è parte integrante del prospetto approvato.

(4) Se la legge utilizza il termine “prospetto”, si intende un prospetto in conformità con il regolamento direttamente applicabile dell’Unione europea che disciplina il prospetto, che deve essere pubblicato su offerta pubblica o ammissione di valori mobiliari alla negoziazione in un mercato regolamentato 66 ).

§ 35

Meccanismo di segnalazione
Una persona soggetta a obblighi o divieti ai sensi di un regolamento dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina un prospetto da pubblicare quando viene offerta un’offerta pubblica o un’ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato 66 ), a meno che non sia un commerciante di valori mobiliari, un organizzatore di un mercato regolamentato o fornitore di servizi di reporting dei dati, implementa, mantiene e applica un meccanismo per segnalare una violazione o una violazione imminente di questo regolamento direttamente applicabile, analogamente ai sensi della Sezione 12i (1). “.

26. La nota 7 è soppressa.

27. Le sezioni 35a e 35b, compreso il titolo, sono abrogate.

28. Nella parte quarta, il titolo II, compreso il titolo e la nota 8, è soppresso.

29. Nella Sezione 39, Paragrafo 8 della Parte Introduttiva della Disposizione, il numero “4” è sostituito dal numero “2”.

30. Nel § 48 paragrafo 1 let. i) punto 3, le parole “di cui al § 57” sono sostituite dalle parole “di cui al §” e le parole “e nel regolamento dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina il prospetto da pubblicare mediante offerta pubblica o l’accettazione di titoli è aggiunta alla fine del testo del punto per la negoziazione in un mercato regolamentato 66 ) ».

31. Nella sezione 50c (2), il testo “Sezione 63a” è sostituito dal testo “Sezione 73m”.

32. Nella sezione 56, paragrafo 5, la seconda e l’ultima frase sono cancellate.

33. La sezione 57, compreso il titolo, è abrogata.

34. La sezione 63a è abrogata.

35. Nel § 65 paragrafo 1 let. a) il numero “57” è sostituito dalle parole “in conformità al diritto dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina il prospetto da pubblicare quando i titoli sono offerti al pubblico o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato ( 66 )”.

36. Nella sezione 69 (6), la seconda frase è soppressa.

37. Nella Sezione 71, alla fine del paragrafo 4, sarà aggiunta la frase “L’operatore di un sistema multilaterale di negoziazione informerà la Banca nazionale ceca del contenuto degli accordi ai sensi della Sezione 50g (1)”.

38. Il titolo del § 73 è cancellato.

39. Nel § 73, il testo attuale è indicato come paragrafo 1 e sono aggiunti i paragrafi 2 e 3, che recitano come segue:

“ (2) Per gli operatori di un sistema di negoziazione multilaterale, le sezioni da 50a a 50e, le sezioni 50f (1) e (2) e le sezioni 50g si applicano mutatis mutandis.

(3) L’operatore di un sistema di negoziazione multilaterale è obbligato a controllare e far rispettare gli obblighi contrattuali ai sensi della Sezione 50g (1) da parte dei commercianti di valori mobiliari. ”.

40. Nella sezione 73f, alla fine del paragrafo 6, è aggiunta la frase “L’operatore di un sistema di scambio organizzato informa la Banca nazionale ceca del contenuto dei contratti ai sensi della sezione 50g paragrafo 1”.

41. Nella sezione 73g (6), prima frase, i termini “ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo” sono cancellati.

42. Nella sezione 73g (6), la seconda frase è soppressa.

43. Il titolo del § 73h è cancellato.

44. Nel § 73h, il testo attuale è indicato come paragrafo 1 e sono aggiunti i paragrafi 2 e 3, che recitano come segue:

” (2) Per gli operatori di un sistema di scambio organizzato, le sezioni da 50a a 50e, le sezioni 50f (1) e (2) e la sezione 50g si applicano mutatis mutandis.

(3) L’operatore di un sistema di negoziazione organizzato deve controllare e far rispettare gli obblighi derivanti dai contratti ai sensi della Sezione 50g (1) da parte dei commercianti di valori mobiliari. “.

45. Nella quinta parte, un nuovo § 73m è inserito dopo il § 73l, che recita come segue:

㤠73m

I partecipanti ai sistemi di negoziazione sono tenuti a eseguire test algoritmici appropriati per garantire che i sistemi di negoziazione algoritmica non possano creare o contribuire a condizioni di negoziazione che distorcano il corretto funzionamento del mercato.

46. Nella sezione 91, le parole “titoli tenuti nei registri del Ministero” sono sostituite dalle parole “titoli di stato”.

47. Nella sezione 116, paragrafo 1, le parole “ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, punto 25, del regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio” sono inserite dopo la parola “poteri”.

48. Nel § 118, la frase “L’Emittente prepara una relazione annuale e una relazione annuale consolidata per il periodo contabile che inizia nel 2020 o successivamente, in conformità con la normativa direttamente applicabile dell’Unione Europea che disciplina il formato elettronico uniforme per la segnalazione 67 ) è inserito all’inizio del paragrafo 2. “.

La nota 67 recita:

” 67 ) Regolamento delegato (UE) della Commissione del 17 dicembre 2018 che integra la direttiva 2004/109 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per la specifica del formato elettronico uniforme per le relazioni.”.

49. Nel § 119c paragrafo 2 let. a) le parole “la presente legge o legislazione comparabile di uno Stato membro dell’Unione europea” sono sostituite da “regolamento UE direttamente applicabile che disciplina il prospetto da pubblicare o l’ammissione di valori mobiliari alla negoziazione in un mercato regolamentato 66 ). “

50. Nella seconda frase della Sezione 122a (2), la parola “paragrafi” è sostituita dal testo “Sezione 122 (2)”.

51. Nella sezione 127d (2), le parole “di attuazione della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sui prospetti e della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sui requisiti di trasparenza per quanto riguarda le informazioni sugli emittenti” sono sostituite da “che introduce un meccanismo per determinare l’equivalenza dei principi contabili utilizzati dagli emittenti di titoli di paesi terzi “.

52. Dopo il § 129a sopra il titolo posto sopra il § 130, viene inserito un nuovo § 129b, che recita come segue:

㤠129b

(1) Entro la fine del mese di calendario successivo alla fine dell’anno di calendario, il commerciante di valori mobiliari deve presentare al Fondo di garanzia le informazioni sull’ammontare delle attività del cliente alla fine dell’ultimo giorno lavorativo dell’anno in questione per il quale il Fondo di Garanzia dovrebbe § 130 comma 9. Il Fondo di Garanzia fornirà queste informazioni al Ministero senza indebito ritardo dopo averle ricevute.

(2) Un obbligo ai sensi del paragrafo 1 si applica anche a una società di investimento e una persona straniera ai sensi della sezione 132a paragrafo 1 e una persona straniera con sede legale o effettiva in uno stato diverso da uno Stato membro dell’Unione europea fornire servizi di investimento nella Repubblica ceca.

(3) I dettagli, la forma, le modalità e la struttura dell’adempimento dell’obbligo di informazione di cui al comma 1 saranno determinati con decreto del Ministero. ”.

53. Nella sezione 135 (1), le lettere h) e i) sono cancellate.

Le lettere esistenti da j) a zb) sono indicate come lettere da h) a z).

54. Nella sezione 135, alla fine del paragrafo 1, il punto è sostituito da una virgola ed è aggiunta la seguente lettera za):

“( Za) una persona soggetta a obblighi o divieti ai sensi del diritto dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina un prospetto da pubblicare quando i titoli sono offerti al pubblico o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato ( 66 ).”.

55. Nella Sezione 135a (6) (c) e (d) e nella Sezione 7, il numero “9” è sostituito dal numero “5”.

56. Nella sezione 135b (2), il numero “14” è sostituito dal numero “15”.

57. Nella sezione 136 (1), lettera m) si legge:

“( M) imporre misure

1. ai sensi dell’articolo 63, paragrafo 2, lettera a) da a) ac) del regolamento (UE) n. 909/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio,

2. ai sensi dell’articolo 22, paragrafo 4, lettera a) da a) ac) del Regolamento (UE) 2015/2365 del Parlamento Europeo e del Consiglio,

3. ai sensi dell’articolo 24, paragrafo 2, lettera a) a), b) od) del regolamento (UE) n. 1286/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio,

4. ai sensi dell’articolo 42, paragrafo 2, lettera a); da a) ad e) del Regolamento (UE) 2016/1011 del Parlamento Europeo e del Consiglio,

5. ai sensi dell’articolo 32, paragrafo 2, lettera a) d) Regolamento (UE) 2017/2402 del Parlamento europeo e del Consiglio,

6. ai sensi dell’articolo 32, paragrafo 1, lettera a); a), d) ah) ej) am) del Regolamento (UE) 2017/1129 del Parlamento Europeo e del Consiglio, “.

58. Nella sezione 137, paragrafo 4, le parole “, articolo 42 del regolamento (UE) n. 600/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio” sono inserite dopo il testo “575/2013”.

59. Nella Sezione 146, Paragrafo 7, le parole “ai sensi della Sezione 157” saranno eliminate.

60. La sezione 149b, compreso il titolo, recita:

㤠149b

Trasferimento di poteri ai sensi del Regolamento dell’Unione Europea sul prospetto da pubblicare quando i titoli sono offerti al pubblico o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato
Responsabilità per danni causati da una decisione o cattiva amministrazione da parte di un’autorità di vigilanza di un altro Stato membro dell’Unione europea nell’esercizio della vigilanza anziché della Banca nazionale ceca in un settore regolato da un regolamento dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina un prospetto da pubblicare su offerta pubblica o ammissione di valori mobiliari alla negoziazione in un mercato regolamentato 66 ), è considerata come la responsabilità dello Stato ai sensi della legge che disciplina la responsabilità per i danni causati nell’esercizio del potere pubblico.

61. Nel § 149e, il paragrafo 3 è soppresso.

62. Nel § 151 paragrafo 1 let. za) le parole “ai fini della presente legge” devono essere cancellate.

63. Nella sezione 152, paragrafo 5, il riferimento alla nota 37 è soppresso.

64. Nella sezione 154, dopo il paragrafo 2 è inserito il nuovo paragrafo 3 seguente:

” (3) Il paragrafo 2 si applica mutatis mutandis alle persone che sono filiazioni ai sensi dell’articolo 4, paragrafo 1, punto 16, del regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del commerciante di valori mobiliari che controlla, il controllante di commercianti di valori mobiliari, banche di controllo estere, società di partecipazione finanziaria, società di partecipazione finanziaria mista o società di partecipazione mista e che non sono anch’esse incluse nella vigilanza su base consolidata. “.

L’attuale paragrafo 3 è rinumerato come paragrafo 4.

65. Nel § 157 paragrafo 1 let. h) e nel § 162 par.1 lett. g) le parole “mercato regolamentato” sono sostituite dalle parole “sistema di negoziazione” e il testo “Sezione 63a” è sostituito dal testo “Sezione 73m”.

66. Nel § 157, il paragrafo 3 recita:

” (3) Una persona fisica commette un reato omettendo di stabilire, mantenere o applicare un meccanismo di segnalazione ai sensi della Sezione 124 e della Sezione 12i (1).”.

67. Nel § 159 paragrafo 1, il testo “Art. 8 ter, “è soppresso e le parole” come modificato dal regolamento (UE) n. 462/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio “sono sostituite dalle parole” come modificato “.

68. In § 159 (2) a (4), § 161 (1), § 174 (2) e (3), § 175 (1), § 176 (1) e § 178 (1), le parole ” elencati nella sezione direttamente applicabile “Dovrà essere sostituito da” direttamente applicabile “.

69. Nel § 159, il paragrafo 4 è soppresso.

L’attuale paragrafo 5 è rinumerato come paragrafo 4.

70. Nella Sezione 159, Paragrafo 4, il testo “, 3 o 4” è sostituito dalle parole “o 3”.

71. Un nuovo § 159a è inserito dopo il § 159, che, compreso il titolo, recita:

㤠159a

Reati commessi da persone fisiche in violazione del Regolamento dell’Unione Europea per il Miglioramento del Regolamento del Commercio di Titoli nell’Unione Europea e dei depositari centrali di titoli
(1) Una persona fisica commette un reato non adempiendo a uno qualsiasi degli obblighi o violando uno qualsiasi dei divieti stabiliti nel regolamento dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina il miglioramento del regolamento titoli nell’Unione europea e nel deposito centrale di titoli 51 ).

(2) Può essere inflitta una multa per un reato ai sensi del paragrafo 1 fino al

(a) CZK 140000000, o

(b) l’ importo del doppio del vantaggio indebito ottenuto commettendo il reato, se è possibile determinare l’importo del vantaggio indebito. “.

72. Nel § 161 alla fine del testo del paragrafo 1 e nel § 178 alla fine del testo del paragrafo 1, le parole “o violano una misura adottata ai sensi degli articoli da 40 a 42 del regolamento (UE) n. 600 / 2014 del Parlamento europeo e del Consiglio ”è aggiunto.

73. Nella parte dieci, titolo III, parte 2, una nuova sezione 161b è inserita dopo la sezione 161a, che, compreso il titolo, recita come segue:

㤠161b

Reati commessi da persone fisiche in violazione del Regolamento dell’Unione Europea sul prospetto da pubblicare per l’offerta al pubblico o l’ammissione alla negoziazione di valori mobiliari in un mercato regolamentato
(1) Una persona fisica commette un reato non adempiendo a uno degli obblighi o violando uno dei divieti di cui agli articoli 3, 5, 6, articolo 7, paragrafi da 1 a 11, articolo 8, 9, 10, articolo 11 (2) 1 o 3, articolo 14, paragrafo 1 o 2, articolo 15, paragrafo 1, articolo 16, paragrafi da 1 a 3, articoli 17, 18, articolo 19, paragrafi da 1 a 3, articolo 20 (2). 1, articolo 21, paragrafi da 1 a 4 o da 7 a 11, articolo 22, paragrafi da 2 a 5, articolo 23, paragrafi da 1 a 3 o 5, o articolo 27 del regolamento (UE). ) 2017/1129 del Parlamento europeo e del Consiglio.

(2) Può essere inflitta una multa per un reato ai sensi del paragrafo 1 fino al

a) CZK 18228000, o

b) l’ importo del doppio del vantaggio ingiustificato ottenuto commettendo questo reato, se l’importo del vantaggio ingiustificato può essere determinato e se l’importo dell’ammenda così determinata supera CZK 18228000. “.

74. Nel § 162, il paragrafo 3 recita:

” (3) Una persona fisica giuridica o imprenditoriale commette un reato omettendo di stabilire, mantenere o applicare un meccanismo di segnalazione ai sensi della Sezione 124 e della Sezione 12i (1).”.

75. Nella sezione 163 (6), il numero “10000000” è sostituito dal numero “5000000”.

76. Nel § 166 paragrafo 1 let. f) la parola “giornale di bordo” è sostituita dalle parole “registrazioni di istruzioni ricevute e trasmesse o registrazioni di contratti”.

77. Nel § 166 paragrafo 1 let. j) il numero “7” è sostituito dal numero “4”.

78. Nel § 168 paragrafo 1 let. f) il numero “2” è sostituito dal numero “3”.

79. Nella sezione 168, paragrafo 2, dopo la lettera k) sono inserite le seguenti nuove lettere da l) a r):

” L) non garantisce che i suoi sistemi soddisfino i requisiti di cui alla Sezione 73 (2) e alla Sezione 50a,

m) non adempie a uno dei suoi obblighi in caso di sospensione o limitazione della negoziazione ai sensi della Sezione 73 (2) e della Sezione 50b,

n) non adempie a uno degli obblighi di cui alla Sezione 73, Paragrafo 2 e alla Sezione 50c della negoziazione algoritmica,

o) non adempie a uno qualsiasi degli obblighi nel fornire l’accesso elettronico diretto ai sensi della Sezione 73 (2) e della Sezione 50d,

p) non garantisce che la remunerazione da lui determinata soddisfi i requisiti ai sensi della Sezione 73 (2) e della Sezione 50e,

q) non adempie a uno qualsiasi degli obblighi di quotazione ai sensi della Sezione 73 (2) e della Sezione 50f,

r) non introduce, mantiene o applica le procedure ai sensi della Sezione 73 (2) e della Sezione 50g (2), “.

Le lettere esistenti da l) ad o) sono indicate come lettere da s) a v).

80. Nel § 168 paragrafo 3 let. (n) la parola “e” è sostituita dalle parole ” 1 e § “.

81. Nella sezione 168, comma 3, dopo la lettera n) sono inserite le nuove lettere da o) a u), che recitano:

” O) non garantisce che i suoi sistemi soddisfino i requisiti di cui alla Sezione 73h (2) e alla Sezione 50a,

p) non adempie a uno dei suoi obblighi di sospensione o limitazione della negoziazione ai sensi della Sezione 73h (2) e della Sezione 50b,

q) non adempie a nessuno degli obblighi ai sensi della Sezione 73h (2) e della Sezione 50c nel trading algoritmico,

r) non adempie a nessuno degli obblighi nel fornire l’accesso elettronico diretto ai sensi della Sezione 73h (2) e della Sezione 50d,

s) non garantisce che la remunerazione da lui determinata soddisfi i requisiti ai sensi della Sezione 73h (2) e della Sezione 50e,

t) non adempie a uno qualsiasi degli obblighi durante la citazione ai sensi della Sezione 73h (2) e della Sezione 50f,

u) non introduce, mantiene o applica le procedure ai sensi della Sezione 73h (2) e della Sezione 50g (2), “.

Le lettere esistenti da o) a r) sono indicate come lettere da v) a y).

82. Nel § 174 paragrafo 1, il testo “Art. 8 ter, “è soppresso e le parole” come modificato dal regolamento (UE) n. 462/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio “sono sostituite dalle parole” come modificato “.

83. Nel § 176, il paragrafo 3 recita:

” (3) Una sanzione può essere inflitta per il reato di una persona fisica impegnata in attività ai sensi del paragrafo 1 fino al

(a) CZK 140000000, o

(b) l’ importo del doppio del vantaggio indebito ottenuto commettendo il reato, se è possibile determinare l’importo del vantaggio indebito. “.

84. Nel § 177 paragrafo 1 let. da a) ac), § 179 par.1, § 180 par.1 let. a) ac) e nel § 181 par.1 lett. a) eb), le parole “di cui a” sono sostituite dalla parola “secondo”.

85. Nel § 177 paragrafo 6 let. a) la parola “o” è aggiunta e la lettera b) è soppressa.

L’attuale lettera c) è indicata come lettera b).

86. Nella sezione 182 (4), la parola “fisico” è inserita dopo la parola “imprenditore”.

87. La sezione 183, compreso il titolo, recita:

㤠183

Reati commessi da persone fisiche, giuridiche e imprenditoriali, in violazione del Regolamento dell’Unione Europea relativo al prospetto da pubblicare all’atto dell’offerta al pubblico o dell’ammissione alla negoziazione di valori mobiliari in un mercato regolamentato
(1) Una persona fisica giuridica o imprenditoriale commette un reato non adempiendo a uno degli obblighi o violando uno dei divieti di cui agli articoli 3, 5, 6, articolo 7, paragrafi da 1 a 11, articoli 8, 9, 10 , Articolo 11, paragrafo 1 o 3, articolo 14, paragrafo 1 o 2, articolo 15, paragrafo 1, articolo 16, paragrafi da 1 a 3, articolo 17, 18, articolo 19, paragrafi da 1 a ( 3), articolo 20, paragrafo 1, articolo 21, paragrafi da 1 a 4 o da 7 a 11, articolo 22, paragrafi da 2 a 5, articolo 23, paragrafi da 1 a 3 o 5 ) o l’articolo 27 del regolamento (UE) 2017 del Parlamento europeo e del Consiglio / 1129.

(2) Una sanzione può essere inflitta per un reato di una persona giuridica ai sensi del paragrafo 1 fino al

a) CZK 130200000,

b) 3% del fatturato annuo totale della persona giuridica in relazione ai suoi conti regolari o consolidati più recenti, o

(c) l’ importo del doppio del vantaggio indebito ottenuto commettendo il reato, se è possibile determinare l’importo del vantaggio indebito.

(3) Può essere inflitta un’ammenda per il reato di una persona fisica impegnata in attività ai sensi del paragrafo 1

a) CZK 18228000, o

(b) l’ importo del doppio del vantaggio indebito ottenuto commettendo il reato, se è possibile determinare l’importo del vantaggio indebito. “.

88. Nella sezione 192a, alla fine del paragrafo 1, il punto è sostituito da una virgola ed è aggiunta la seguente lettera l):

“( L) dall’autorità competente in conformità al diritto dell’Unione europea direttamente applicabile sul prospetto da pubblicare quando i titoli sono offerti al pubblico o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato ( 66 ).”.

89. Nella sezione 199, le parole “e la sezione 129b (3)” devono essere aggiunte alla fine del testo del paragrafo 1.

90. Nella sezione 199 (2), il testo “Sezione 32 (7)” è inserito dopo il testo “Sezione 30a (3)”.

SECONDA PARTE

Modifica della legge bancaria
Arte. II

Nel § 1 paragrafo 3 lettera i) della legge n. 21/1992 Coll., sulle banche, come modificata dalla legge n. 257/2004 Coll. e legge n. 258/2016 Coll., le parole “la banca può svolgere questa attività solo se una delle persone autorizzate a mediare il credito al consumo ai sensi della legge che disciplina il credito al consumo” è sostituita dalle parole “assicurazione o riassicurazione o risparmi pensionistici complementari , la banca può svolgere tale attività se è autorizzata a farlo in base alla legge che disciplina l’intermediazione di tale servizio finanziario ”.

PARTE TERZA

Modifica della legge sulla vigilanza del mercato dei capitali
Arte. III

377/2015 Coll., Legge n. 148/2016 Coll., Legge n. 183/2017 Coll., Legge n. 204/2017 Coll. e la legge n. 204/2019 Coll., è modificata come segue:

1. Alla fine della nota 41, in una riga separata è aggiunta la seguente frase: “Art. 41 e 42 del Regolamento (UE) 2017/1129 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2017, sul prospetto da pubblicare per l’offerta al pubblico o l’ammissione alla negoziazione di valori mobiliari in un mercato regolamentato e che abroga la Direttiva 2003/71 / CE. “.

2. Al § 8 paragrafo 1, alla fine del testo della lettera a) le parole “; questo vale anche per i dati della banca dati degli abbonati dei fornitori di servizi telefonici accessibili al pubblico ».

3. Al § 13, il paragrafo 3 è soppresso.

Gli attuali paragrafi da 4 a 6 sono rinumerati come paragrafi da 3 a 5.

4. Nella Sezione 13, Paragrafo 4, il testo “e 3” è eliminato.

5. La frase “Regolamento (UE) 2017/1129 del Parlamento europeo e del Consiglio” è aggiunta su una riga separata alla fine della nota 43.

PARTE QUARTA

Modifica alla legge sulle obbligazioni
Arte. IV

Legge n. 190/2004 Coll., Sulle obbligazioni, come modificata dalla Legge n. 378/2005 Coll., Legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 57/2006 Coll., Legge n. 296/2007 Coll. , Legge n. 230/2008 Coll., Legge n. 227/2009 Coll., Legge n. 230/2009 Coll., Legge n. 281/2009 Coll., Legge n. 160/2010 Coll., Legge n. 199 / 2010 Coll., Legge n. 355/2011 Coll., Legge n. 172/2012 Coll., Legge n. 227/2013 Coll., Legge n. 303/2013 Coll., Legge n. 137/2014 Coll., Legge n. 183/2017 Coll., Legge n. 307/2018 Coll. e la legge n. 277/2019 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 2 (4), seconda frase, le parole “, se assegnate o altre informazioni che identificano l’obbligazione” sono cancellate.

2. Nel § 6 paragrafo 1 let. i) la parola “e” è soppressa, alla lettera j), la virgola è sostituita dalla parola “e” ed è aggiunta la seguente lettera k):

“( K) l’ identificazione dell’obbligazione secondo il sistema internazionale di numerazione dei titoli.”.

3. Nella Sezione 6, Paragrafo 4, le parole “ek” sono inserite dopo il testo “h)”.

4. Nel § 9 paragrafo 1 let. j) le parole “se assegnate” sono soppresse.

5. Al § 9 paragrafo 1, alla fine della lettera l) la parola “a” è cancellata, alla fine del paragrafo il punto è sostituito da una virgola e sono aggiunte le lettere n) eo), che recitano come segue :

” N) informazioni su se e in quale misura la Banca nazionale ceca controlla l’emissione di obbligazioni e il loro emittente, e

o) informazioni che, se il prospetto è approvato dalla Banca nazionale ceca,

1. il presente prospetto è valutato dalla Banca nazionale ceca solo in termini di completezza dei dati in esso contenuti,

2. Al momento dell’approvazione, la Banca nazionale ceca non valuta i risultati economici o la situazione finanziaria dell’emittente a

3. Approvando il prospetto, la Banca nazionale ceca non garantisce la futura redditività dell’emittente o la sua capacità di rimborsare i proventi e il valore nominale dell’obbligazione. “.

PARTE QUINTA

Modifica della legge sulle spese amministrative
Arte. NEL

Articolo 65 dell’allegato alla legge n. 634/2004 Coll., Sulle spese amministrative, come modificato dalla legge n. 56/2006 Coll., Legge n. 230/2008 Coll., Legge n. 420/2009 Coll., Legge Legge n. 188/2011 Coll., Legge n. 428/2011 Coll., Legge n. 37/2012 Coll., Legge n. 399/2012 Coll., Legge n. 241/2013 Coll., Legge n. 148/2016 Coll., Legge n. 258/2016 Coll., Legge n. 204/2017 Coll., Legge n. 371/2017 Coll. e la legge n. 171/2018 Coll., è modificata come segue:

1. Al punto 2, lettera a): (d) dopo le parole “paragrafo 3 “inserire le parole” o 4 “.

2. Al punto 9, la lettera a) è sostituita dalla seguente:

a) concessione dell’autorizzazione ad agire come intermediario indipendente ai sensi della legge che regola i risparmi pensionistici integrativi di 10.000 CZK “

3. Al punto 9, le lettere b) ec) sono soppresse.

Le lettere esistenti da d) av) sono indicate come lettere da b) a t).

4. Al punto 9, lettera a) b) il numero “10000” è sostituito da “25000”.

5. Al punto 9, lettera a) c) il numero “5000” è sostituito da “10000”.

6. Al punto 9, la lettera d) è soppressa.

Le lettere esistenti da e) a t) sono indicate come lettere da d) a s).

7. Al punto 9, lettera a) m) il numero “50000” è sostituito da “25000”.

8. Al punto 9, lettera a) n) il numero “25000” è sostituito da “10000”.

9. Al punto 9, la lettera o) è soppressa.

Le lettere esistenti da p) a s) sono indicate come lettere da o) a r).

10. Al punto 9, lettera a) o) il numero “50000” è sostituito da “25000”.

11. Al punto 9, dopo la lettera o) è inserita la seguente lettera p):

” P) estensione dell’accreditamento secondo la legge che regola le attività sul mercato dei capitali CZK 10000″.

Le lettere esistenti da p) a r) sono indicate come lettere da q) a s).

12. Al punto 9, lettera a) (s) il numero “25000” è sostituito da “10000”.

13. Il punto 10 è soppresso.

I punti 11 e 12 esistenti vengono rinumerati come punti 10 e 11.

14. Al punto 10, lettera a) a) le parole “al registro” sono soppresse.

15. Al punto 10 sono aggiunti i seguenti punti (e) e (f):

” E) autorizzazione ad agire come agente collegato ai sensi della legge che regola il risparmio previdenziale complementare di CZK 2000

f) autorizzazione ad agire come agente collegato ai sensi della legge che disciplina le attività sul mercato dei capitali CZK 2000 ”.

16. Il paragrafo 11 è formulato come segue:

” 11. Estensione

a) autorizzazione a operare come fornitore non bancario di credito al consumo CZK 25.000

b) autorizzazione ad agire come intermediario indipendente ai sensi della legge che regola il credito al consumo CZK 2.500

c) autorizzazione ad agire come agente collegato ai sensi della legge che disciplina il credito al consumo CZK 500

d) autorizzazione ad agire come intermediario vincolato del credito al consumo per un dato CZK 500 rappresentato

e) una licenza per operare come intermediario di investimento ai sensi della legge che regola le attività sul mercato dei capitali CZK 2.500

f) autorizzazione per l’attività di rappresentante collegato ai sensi della legge che disciplina gli affari sul mercato dei capitali CZK 500

g) autorizzazione ad agire come intermediario indipendente ai sensi della legge che disciplina la distribuzione di assicurazioni e riassicurazioni CZK 2.500

h) autorizzazione ad agire come agente collegato ai sensi della legge che disciplina la distribuzione di assicurazioni e riassicurazioni CZK 500

i) autorizzazione ad operare come intermediario assicurativo complementare ai sensi della legge che disciplina la distribuzione di assicurazioni e riassicurazioni CZK 500

j) autorizzazione ad agire come intermediario indipendente ai sensi della legge che regola il risparmio previdenziale complementare di 2.500 CZK

k) autorizzazione ad agire come rappresentante legato ai sensi della legge che disciplina il risparmio previdenziale complementare di CZK 500 ”.

17. Parole

“Esenzione
Dalla quota di cui al punto 11 lettera c) ed) è esentata la prima registrazione di una persona che è stata registrata come intermediario assicurativo alla data di entrata in vigore della legge n. 170/2018 Coll., sulla distribuzione di assicurazione e riassicurazione. “sono cancellati .

18. La nota recita:

“Nota
Il contribuente del contributo per l’accettazione della domanda di registrazione ai sensi del punto 10 o per la proroga dell’autorizzazione ai sensi del punto 11, lettera a) c), d) f), h), i) ok) è rappresentato. La tariffa per l’estensione dell’accreditamento, autorizzazione o autorizzazione deve essere sempre pagata non prima di 3 mesi prima della data di cessazione dell’accreditamento, autorizzazione o autorizzazione e non oltre 30 giorni prima della data di cessazione dell’accreditamento, autorizzazione o autorizzazione . “.

PARTE SESTA

Modifica alla legge sull’insolvenza
Arte. VI

Nella Parte Seconda, Titolo IV della Legge n. 182/2006 Coll., Sul fallimento e modi per risolverlo (Legge sull’insolvenza), è aggiunta la Parte 3, che, compreso il titolo, recita come segue:

“Parte 3

Fallimento di un fondo comune di investimento e fallimento di un comparto di una società per azioni a capitale variabile
§ 388a

(1) Le disposizioni della presente parte si applicano in caso di insolvenza

a) un fondo comune di investimento ai sensi della legge che disciplina le società di investimento e i fondi di investimento (di seguito “fondo comune di investimento”),

b) un comparto di una società per azioni a capitale variabile ai sensi della normativa che disciplina le società di investimento e i fondi di investimento (di seguito il “comparto”).

(2) Le disposizioni di altre parti della presente legge e le disposizioni di altri titoli della parte seconda della legge, ad eccezione delle disposizioni che disciplinano la moratoria, la riorganizzazione e la cancellazione del debito, si applicano alla procedura ai sensi della presente parte, salvo diversamente fornito.

§ 388b

(1) Ai fini dei procedimenti ai sensi della presente legge, un fondo comune di investimento il cui fallimento o fallimento imminente deve essere risolto ha la capacità di essere parte del procedimento. Il gestore di questo fondo comune di investimento funge da partecipante. Contro questo fondo comune di investimento viene avviata una procedura di insolvenza.

(2) Le limitazioni e gli effetti ai sensi della presente legge si applicano solo a un fondo comune di investimento il cui fallimento o fallimento imminente è stato risolto, a meno che la presente legge non disponga diversamente.

(3) Possono essere registrati solo i crediti corrispondenti a debiti appartenenti alle attività con cui è stato costituito il fondo comune di investimento il cui fallimento o fallimento imminente è stato costituito (di seguito denominato “patrimonio del fondo comune di investimento”), salvo diversa disposizione della presente legge.

(4) Ai fini della presente legge, nel determinare il fallimento o il fallimento imminente di un fondo comune di investimento, solo la somma delle attività e dei debiti che costituiscono le attività di questo fondo comune di investimento sarà considerata patrimonio del debitore.

(5) I creditori le cui pretese corrispondono a debiti appartenenti al patrimonio di un fondo comune di investimento il cui fallimento o fallimento imminente è in via di risoluzione saranno soddisfatti solo con i beni appartenenti al patrimonio di tale fondo comune di investimento.

§ 388c

(1) Ai fini dei procedimenti ai sensi della presente legge, un comparto il cui fallimento o fallimento imminente deve essere risolto ha la capacità di essere parte del procedimento. In qualità di partecipante, agisce una società per azioni a capitale variabile, che ha creato un comparto il cui fallimento o fallimento imminente è in corso di risoluzione. Nei confronti di questo comparto viene avviata una procedura di insolvenza.

(2) Le limitazioni e gli effetti ai sensi della presente Legge si applicano solo a un comparto il cui fallimento o fallimento imminente è in fase di risoluzione; salvo diversa disposizione della presente legge.

(3) Possono essere registrati solo i crediti corrispondenti ai debiti del comparto il cui fallimento o fallimento imminente è in fase di risoluzione.

(4) Nel determinare il fallimento o il fallimento imminente di un comparto, ai fini della presente legge, solo la somma delle attività e dei debiti in questo comparto sarà considerata attività del debitore.

(5) I creditori i cui crediti corrispondono ai debiti del comparto, il cui fallimento o fallimento imminente è in fase di risoluzione, sono soddisfatti solo dalle attività di questo comparto.

(6) Gli azionisti della società a capitale variabile, i cui comparti, il deterioramento o la ricaduta imminente sono progettati, creati, ai fini di tale controllo significa fallimento solo il proprietario delle azioni di investimento emesse in questo Comparto. “.

PARTE SETTIMA

Modifica della legge sul risparmio previdenziale complementare
Arte. VII

Legge n. 427/2011 Coll., Sul risparmio pensionistico supplementare, come modificata dalla Legge n. 399/2012 Coll., Legge n. 403/2012 Coll., Legge n. 241/2013 Coll., Legge n. 377/2015 Coll., Legge n. 183/2017 Coll., Legge n. 296/2017 Coll. e la legge n. 111/2019 Coll., è modificata come segue:

1. Nel § 3 lettera f) il punto 3 è sostituito dal seguente:

” 3. nel caso di una persona fisica che esercita un’attività commerciale, il nome, l’indirizzo della sede legale, la data di nascita e il numero di identificazione della persona, se assegnata,”.

2. Al § 3, alla fine del testo della lettera g), sono aggiunte le parole “, intermediario indipendente o rappresentante legato”.

3. Al § 3, alla fine della lettera q), il punto è sostituito da una virgola e viene aggiunta la seguente lettera r):

“( R) rappresentato da una società di previdenza o da un intermediario indipendente con il quale l’agente collegato ha un contratto in base al quale media il risparmio previdenziale complementare.”.

4. Nel § 65 paragrafo 2 lett. c) al punto 1, il termine “investimento” è sostituito dal termine “autonomo”.

5. Nella quinta parte dei titoli I e II, compresi i titoli, si legge quanto segue:

“TITOLO I

CONDIZIONI GENERALI
§ 74

Persone autorizzate a mediare il risparmio previdenziale complementare
(1) Sviluppare come imprenditore attività volte a dare a un partecipante o a una persona interessata al risparmio previdenziale integrativo l’opportunità di negoziare, modificare o estinguere risparmi pensionistici complementari con una società di previdenza e di organizzare, modificare o estinguere risparmi pensionistici complementari per conto di una società di previdenza o per conto di un partecipante o richiedente o Il risparmio pensionistico complementare (di seguito denominato “mediazione del risparmio pensionistico complementare”) ha diritto solo

(a) un intermediario indipendente, o

(b) un agente collegato.

(2) Un intermediario indipendente che sia una persona fisica può mediare il risparmio previdenziale integrativo solo di persona, da un procuratore, con l’ausilio di dipendenti o tramite un rappresentante legato. Un intermediario indipendente, che sia una persona giuridica, può mediare il risparmio previdenziale integrativo solo da parte di un membro dell’organo statutario, un’altra persona con poteri simili, un procuratore, con l’ausilio di dipendenti o tramite un agente collegato.

(3) Un agente collegato che sia una persona fisica può mediare il risparmio previdenziale integrativo solo di persona, da un procuratore o con l’ausilio di dipendenti. Un agente collegato che sia una persona giuridica può mediare il risparmio previdenziale integrativo solo a un membro dell’organo statutario, un’altra persona con poteri simili, un procuratore o l’assistenza di dipendenti.

(4) Un intermediario indipendente e un agente collegato mediano il risparmio previdenziale complementare solo in modo che essi stessi, se sono persone fisiche, e le persone presso le quali mediano il risparmio previdenziale complementare o che sono responsabili della disposizione del risparmio previdenziale complementare siano affidabili e professionalmente qualificato.

§ 75

Assistenza professionale
(1) Un intermediario indipendente e un rappresentante legato sono obbligati a mediare il risparmio previdenziale complementare con l’assistenza professionale.

(2) Gli articoli da 126 a 140 si applicano, mutatis mutandis, a un intermediario indipendente e a un agente collegato quando organizzano risparmi pensionistici complementari.

§ 75a

Conservazione di documenti e registrazioni
(1) Quando organizza risparmi pensionistici integrativi, un intermediario indipendente acquisisce documenti o altri registri nella misura necessaria per un certificato credibile di corretto adempimento dei suoi obblighi previsti dalla presente legge e da altri regolamenti legali nella misura in cui si riferiscono alla mediazione di supplementi risparmi pensionistici.

(2) Un intermediario indipendente, nell’adempimento dell’obbligo di cui al paragrafo 1, in particolare:

a) redazione di contratti di intermediazione del risparmio di previdenza complementare, copie di copie di contratti di risparmio previdenziale complementare o loro proposte e copie di accordi di modifica o cessazione del risparmio di previdenza complementare o loro proposte, alla conclusione delle quali l’intermediario indipendente o il suo rappresentante legato ha partecipato direttamente,

b) documenti e altre registrazioni relative alla mediazione del risparmio pensionistico complementare, se acquisito, compreso un registro delle trattative con un partecipante o persona interessata al risparmio pensionistico integrativo, o altre condizioni contrattuali, se facevano parte del rapporto contrattuale,

(c) registrazioni di altre comunicazioni tra un intermediario indipendente e un partecipante o richiedente di risparmi per pensione complementare comprovanti la mediazione di risparmi per pensione complementare, se sono state ottenute e se l’identità del partecipante o richiedente di risparmi per pensione complementare deriva da questo comunicazione e

d) i documenti e gli altri registri di cui alle lettere b) ec), se il suo agente collegato ha agito per suo conto.

(3) L’ intermediario indipendente conserva i documenti e le registrazioni di cui al paragrafo 1 per un periodo di

a) un anno solare immediatamente successivo all’anno in cui è avvenuta l’ultima comunicazione con il partecipante o il richiedente il risparmio per pensione complementare, se non è stato concordato alcun risparmio per pensione complementare, o

b) la durata del risparmio previdenziale complementare e fino alla fine del decimo anno civile dalla sua cessazione.

(4) L’obbligo di cui ai paragrafi da 1 a 3 si applica anche al successore legale dell’intermediario indipendente ea quello la cui autorizzazione ad operare è scaduta.

(5) La registrazione della comunicazione con un partecipante o persona interessata al risparmio previdenziale integrativo deve essere redatta per iscritto o in altro modo probatorio e deve contenere la data della comunicazione, l’identificazione sufficiente delle parti della comunicazione e il contenuto della comunicazione.

§ 76

Pagamento dell’iscrizione e ricompensa
(1) Una società di previdenza, un intermediario indipendente e un rappresentante collegato non possono richiedere a una persona che partecipa o deve partecipare all’intermediazione di un risparmio pensionistico integrativo di pagare un’entrata o un altro pagamento simile come condizione per il pagamento di una retribuzione futura per questa attività.

(2) Una società di previdenza, un intermediario indipendente e un rappresentante legato non possono trarre remunerazione per la mediazione del risparmio pensionistico integrativo dall’acquisizione di altre persone per questa attività da parte di una persona remunerata.

TITOLO II

INTERMEDIARIO INDIPENDENTE, RAPPRESENTANTE LEGATO E LORO AUTORIZZAZIONE
Parte 1

Intermediario indipendente e sua autorizzazione
§ 77

Intermediario indipendente
(1) Ai fini della presente legge, per intermediario indipendente si intende una persona che ha il diritto di mediare il risparmio previdenziale complementare sulla base dell’autorizzazione ad operare come intermediario indipendente concessa dalla Banca nazionale ceca.

(2) Un intermediario indipendente stipula un contratto di mediazione del risparmio previdenziale integrativo con un’impresa di previdenza o un partecipante o una persona interessata al risparmio previdenziale integrativo, che, se sorge un determinato obbligo per il partecipante o una persona interessata alla pensione integrativa risparmio, deve essere in forma scritta.

§ 77a

Condizioni per la concessione dell’autorizzazione ad operare
La Banca nazionale ceca autorizza il richiedente a fungere da intermediario indipendente se

a) ha la propria sede legale o filiale nel territorio della Repubblica Ceca,

(b) è credibile; se il richiedente è una persona giuridica, la credibilità è dimostrata da un membro dell’organo statutario o da un’altra persona con poteri simili; la condizione di credibilità deve essere soddisfatta anche dalla persona che controlla il richiedente, che è una persona giuridica,

c) è professionalmente qualificato; se il richiedente è una persona giuridica, la competenza professionale è dimostrata da un membro dell’organo statutario o da un’altra persona con poteri simili, se queste persone gestiscono effettivamente la distribuzione del risparmio pensionistico complementare o devono essere responsabili di questa attività,

d) soddisfa le condizioni specificate nel § 77f,

e) l’ identità del richiedente fornita nella domanda consente di identificare il richiedente nel registro di base pertinente; e

f) non è un intermediario indipendente o un rappresentante legato ai sensi della presente legge.

§ 77b

Procedura per richiedere una licenza per operare
(1) Una domanda per la concessione di un’autorizzazione a operare come intermediario indipendente può essere presentata solo per via elettronica. La domanda contiene, oltre ai requisiti previsti dal codice di procedura amministrativa, anche i dati sull’adempimento dei presupposti per il rilascio dell’autorizzazione ad operare come intermediario indipendente previsti dalla presente legge. La domanda deve essere accompagnata da documenti attestanti il ​​rispetto di queste condizioni. I dettagli dei requisiti della domanda, inclusi gli allegati che attestano il rispetto delle condizioni per la concessione dell’autorizzazione ad agire come intermediario indipendente previsto dalla presente legge, i suoi formati e altri requisiti tecnici, saranno determinati da un regolamento legale di attuazione.

(2) Se la Banca nazionale ceca accoglie integralmente la richiesta, inserisce un intermediario indipendente nel registro delle persone autorizzate a mediare il risparmio previdenziale complementare (di seguito denominato “registro”). In tal caso, la decisione non deve essere presa per iscritto. La decisione ha effetto giuridico con l’iscrizione dell’intermediario indipendente nel registro. La Banca nazionale ceca informa immediatamente il richiedente per via elettronica della registrazione di un intermediario indipendente nel registro.

§ 77c

Durata e rinnovo dell’autorizzazione ad operare
(1) L’ autorizzazione ad agire come intermediario indipendente dura fino alla fine dell’anno solare successivo a quello in cui l’intermediario indipendente è stato iscritto nel registro.

(2) La Banca nazionale ceca proroga l’autorizzazione per un intermediario indipendente per altri 12 mesi dopo il pagamento della tassa amministrativa. La Banca nazionale ceca conferma immediatamente il pagamento della tassa amministrativa all’intermediario indipendente.

§ 77d

Notifica di modifiche
(1) L’ intermediario indipendente notifica alla Banca nazionale ceca senza indebito ritardo che si è verificato un cambiamento nei fatti che, ai sensi della Sezione 77a, sono una condizione per la concessione dell’autorizzazione ad agire come intermediario indipendente.

(2) La notifica deve essere presentata tramite l’applicazione elettronica della Banca nazionale ceca per la registrazione delle entità. La notifica dovrà contenere, oltre ai requisiti di presentazione previsti dal Codice di procedura amministrativa, dati e documenti relativi alla modifica dei dati.

(3) L’obbligo di cui al paragrafo 1 non si applica alle modifiche dei dati che sono conservati nei registri di base come dati di riferimento.

§ 77e

Cessazione dell’autorizzazione ad operare
(1) Scade l’autorizzazione ad agire come intermediario indipendente

a) morte di una persona fisica,

b) scioglimento di una persona giuridica,

c) da un avviso di cessazione dell’attività o da una data successiva, che è indicata nella presente comunicazione come il giorno di cessazione dell’attività,

d) alla scadenza della durata dell’autorizzazione, a meno che l’autorizzazione non sia prorogata ai sensi dell’articolo 77c (2), o

e) per recesso (§ 154).

(2) Comunicazione ai sensi del comma 1 lett c) è presentata tramite la domanda elettronica di registrazione delle entità della Banca nazionale ceca.

§ 77f

Assicurazione obbligatoria
(1) Un intermediario indipendente deve essere assicurato in caso di obbligo di risarcire un partecipante o una persona interessata al risparmio previdenziale integrativo per i danni causati dalla violazione di uno dei suoi obblighi previsti dalla presente legge o da altre applicare alla mediazione del risparmio previdenziale complementare almeno 13500000 CZK per un evento assicurato e almeno 20250000 CZK per il caso di più eventi assicurati in un anno.

(2) L’ assicurazione ai sensi del paragrafo 1 deve essere stipulata con una compagnia di assicurazioni domiciliata in uno Stato membro o con una compagnia di assicurazioni domiciliata in un altro Stato membro, soggetta a vigilanza paragonabile a quella della Banca nazionale ceca, e deve essere organizzata in tal modo tale compartecipazione, se concordata, non ha superato il limite superiore di 5.000 CZK o l’1% dell’importo dell’indennità assicurativa.

§ 77g

Risarcimento del danno causato da un intermediario indipendente
Se un’impresa di previdenza utilizza un intermediario indipendente nelle sue attività, non risarcisce i danni da essa causati; tuttavia, se lei lo ha accuratamente selezionato o supervisionato, è responsabile del suo obbligo di risarcire i danni.

§ 77h

Regole di controllo delle attività e conflitto di interessi
L’intermediario indipendente stabilisce, mantiene e applica, in proporzione alla natura, alla portata e alla complessità delle sue attività

a) regole per il controllo delle attività delle persone attraverso le quali è mediato il risparmio previdenziale integrativo, con particolare attenzione al controllo del corretto rispetto delle regole di condotta stabilite dalla presente legge e da altre disposizioni legali nella misura in cui si riferiscono al distribuzione del risparmio previdenziale integrativo e controllo del corretto svolgimento delle attività;

b) norme sulla remunerazione delle persone attraverso le quali sono mediati i risparmi pensionistici complementari; queste regole non devono motivare l’inadempimento degli obblighi previsti dalla presente legge e da altre norme legali nella misura in cui si riferiscono alla mediazione del risparmio pensionistico integrativo, mentre non devono motivare i partecipanti o coloro che sono interessati al risparmio pensionistico integrativo a raccomandare prodotti pensionistici specifici a la spesa di altri prodotti che meglio rispondessero alle esigenze del cliente,

c) procedure per la prevenzione, l’individuazione e la gestione dei conflitti di interesse,

d) un sistema di gestione dei reclami che includa regole generali per la registrazione e il trattamento dei reclami; e

e) registrazioni dei contratti mediati sul risparmio pensionistico complementare.

Parte 2

Agente legato e sua autorizzazione
§ 78

Agente legato
(1) Ai fini della presente legge, per agente collegato si intende una persona che ha il diritto di mediare il risparmio previdenziale complementare sulla base dell’iscrizione dell’agente collegato nel registro.

(2) L’ agente collegato stipula con il preponente un contratto per lo svolgimento di attività consistenti nella mediazione del risparmio previdenziale complementare sulla base dell’autorizzazione di cui al comma 1, che deve essere in forma scritta. Il contratto può essere concluso con un solo rappresentante.

§ 78a

Voce di registro
(1) Sulla base di una notifica ai sensi della Sezione 78b presentata dalla parte rappresentata, la Banca nazionale ceca iscrive nel registro un rappresentante legato, se

a) le informazioni fornite nella notifica consentono di identificare la persona indicata nella notifica nel registro di base pertinente; e

b) una persona che intende esercitare l’attività di rappresentante legato non è un intermediario indipendente o un rappresentante legato ai sensi della presente legge.

(2) La Banca nazionale ceca iscrive il rappresentante legato nel registro senza indugio, ma non oltre 5 giorni lavorativi dal giorno in cui è stata ricevuta la notifica.

(3) La Banca nazionale ceca informa immediatamente il mandante per via elettronica dell’iscrizione del rappresentante legato nel registro o della mancata iscrizione e del motivo di tale mancata iscrizione. Se la parte rappresentata non è d’accordo con la mancata registrazione, la Banca nazionale ceca, su sua richiesta, emette una decisione, che è il primo atto del procedimento.

§ 78b

Notifica di un agente collegato
(1) Un rappresentante può notificare solo un tale rappresentante legato che:

a) ha la propria sede legale o filiale nel territorio della Repubblica ceca; e

b) soddisfa le condizioni per l’esercizio dell’attività di rappresentante legato previste dalla presente legge.

(2) La notifica di un rappresentante collegato ai sensi del paragrafo 1 deve essere presentata tramite la domanda elettronica della Banca nazionale ceca per la registrazione delle entità.

(3) La notifica deve contenere, oltre ai requisiti di presentazione previsti dal codice di procedura amministrativa, anche

a) l’ identità della persona che intende agire in qualità di agente collegato; e

b) una dichiarazione attestante che l’agente collegato soddisfa le condizioni per lo svolgimento delle attività ai sensi della presente legge.

§ 78c

Origine, durata ed estensione dell’autorizzazione ad operare
(1) L’ autorizzazione all’attività di rappresentante legato deriva dall’iscrizione del rappresentante legato nel registro.

(2) Nel caso in cui una persona sia notificata come rappresentante legato da più di un rappresentante, la Banca nazionale ceca la inserirà nel registro per il rappresentante che ha notificato la persona per primo.

(3) L’ autorizzazione ad agire in qualità di rappresentante legato durerà fino alla fine dell’anno civile successivo a quello in cui è stata effettuata l’iscrizione nel registro.

(4) La Banca nazionale ceca proroga sempre l’autorizzazione per l’attività di un rappresentante collegato per altri 12 mesi dopo il pagamento della tassa amministrativa. La Banca nazionale ceca conferma immediatamente il pagamento della tassa amministrativa alla parte rappresentata.

(5) La parte rappresentata deve notificare alla Banca nazionale ceca contemporaneamente al pagamento della tassa amministrativa tramite la domanda elettronica della Banca nazionale ceca per la registrazione delle entità a cui rappresentanti legati l’autorizzazione deve essere estesa sulla base del pagamento tassa amministrativa.

§ 78d

Cessazione della rappresentanza
(1) La parte rappresentata è obbligata a risolvere l’obbligo contrattuale ai sensi del § 78 par. l’obbligazione scade al più tardi il giorno in cui l’agente collegato esprime la volontà di rescindere l’obbligazione, indipendentemente dalla durata del periodo di preavviso o da un accordo di natura analoga.

(2) Il rappresentante collegato è tenuto a rescindere l’obbligo contrattuale ai sensi del § 78 paragrafo 2 senza indebito ritardo se cessa di soddisfare le condizioni stabilite dalla presente legge per la notifica o lo svolgimento delle attività del rappresentante collegato; l’obbligazione scade non oltre il giorno in cui la parte rappresentata esprime la volontà di porre termine all’obbligazione, indipendentemente dalla durata del periodo di preavviso o da un accordo di natura simile.

(3) La parte rappresentata è tenuta a notificare alla Banca nazionale ceca senza indebito ritardo che l’obbligo contrattuale ai sensi della Sezione 78 (2) è scaduto. La notifica viene inviata tramite la domanda elettronica di registrazione delle entità della Banca nazionale ceca.

§ 78e

Cessazione dell’autorizzazione ad operare
(1) L’ autorizzazione ad agire in qualità di rappresentante legato scade

a) morte di una persona fisica,

b) scioglimento di una persona giuridica,

c) notifica di cessazione dell’attività,

d) cessazione dell’obbligo di cui all’art. 78, comma 2 tra il rappresentante legato e il rappresentato,

e) cessazione dell’autorizzazione all’attività rappresentata ai sensi della presente legge,

f) alla scadenza della durata dell’autorizzazione, a meno che l’autorizzazione non sia prorogata ai sensi della Sezione 78c (4), o

g) recesso (§ 154).

(2) Il rappresentante collegato presenta la comunicazione ai sensi del comma 1 lettera (c) tramite un rappresentante. Se il rappresentante non gli fornisce la necessaria collaborazione, l’agente collegato può darne comunicazione separatamente.

(3) Comunicazione ai sensi del comma 1 lett c) serve

a) rappresentato attraverso l’applicazione elettronica della Banca nazionale ceca per la registrazione delle entità,

b) l’ agente collegato per via elettronica.

§ 78f

Archiviazione dei documenti
I documenti comprovanti il ​​soddisfacimento delle condizioni di credibilità e idoneità professionale da parte dell’agente collegato devono essere conservati dal rappresentato per la durata dell’autorizzazione dell’agente collegato per tale rappresentante e fino alla fine del decimo anno solare dalla scadenza di tale autorizzazione.

§ 78g

Responsabilità del rappresentante per il reato
È considerato agente collegato anche una persona la cui condotta è imputabile al preponente al fine di valutare la responsabilità del preponente per il reato.

§ 78h

Risarcimento del danno causato da un agente collegato
Se un intermediario indipendente utilizza un agente collegato nelle sue attività, risarcisce il danno da lui causato come se lo avesse causato lui stesso. L’azienda pensionistica non risarcisce tali danni; tuttavia, se ha accuratamente selezionato o vigilato su un intermediario indipendente, è responsabile dell’adempimento del suo obbligo di risarcimento. “

6. Nella parte quinta, il seguente titolo III è inserito dopo il titolo II:

“TITOLO III

REGISTR
§ 79

Gestione del registro
(1) Il registro è tenuto in formato elettronico.

(2) Il registro è amministrato e gestito dalla Banca nazionale ceca.

§ 80

Persone e dati inseriti nel registro
(1) La Banca nazionale ceca, alle condizioni stabilite nella presente legge, iscrive una persona nel registro come

a) un intermediario separato; o

(b) un agente collegato.

(2) I seguenti dati, comprese le loro modifiche, devono essere inseriti nel registro presso l’intermediario indipendente e l’agente collegato:

a) dati identificativi,

b) una persona autorizzata a fornire o mediare il risparmio di pensione complementare, per il quale un intermediario indipendente o un agente legato è autorizzato a mediare il risparmio di pensione complementare,

c) la data di origine dell’autorizzazione ad operare e la sua durata,

d) un membro dell’organo statutario o altra persona con poteri analoghi o un procuratore responsabile o che gestisce effettivamente la mediazione del risparmio previdenziale complementare

e) la data di scadenza della licenza di attività e il motivo,

f) una panoramica delle sanzioni amministrative imposte dalla legge e delle misure correttive applicabili imposte dalla Banca nazionale ceca,

g) la data in cui la decisione di insolvenza è diventata definitiva; e

h) la data di entrata in liquidazione della persona giuridica.

(3) La Banca nazionale ceca per i dati ai sensi del paragrafo 2 lettera g) eh) affermano che questi dati sono solo a scopo informativo.

§ 81

Il pubblico del registro e il principio di pubblicità materiale dei dati in esso contenuti
(1) La Banca nazionale ceca rende disponibili sul proprio sito web i dati di cui alla sezione 80 (2). I dati, in caso di modifiche anche precedenti, restano pubblicati fino alla fine del decimo anno solare dalla fine dell’anno in cui la persona iscritta all’albo ha terminato l’attività.

(2) La persona a cui si riferisce l’iscrizione non può opporsi al fatto che l’iscrizione si riferisce all’iscrizione nel registro non corrisponde ai fatti, ad eccezione dei dati specificati al § 80 par. g) e h).

§ 82

Estratto dal registro
La Banca nazionale ceca consentirà di ottenere un estratto elettronico dal registro relativo ai dati su una persona registrata, che esso contiene

a) la designazione del registro,

b) dati identificativi,

c) oggetto di attività,

d) l’ indirizzo Internet presso il quale è possibile verificare l’iscrizione della persona nel registro e

e) la data di rilascio della dichiarazione.

§ 83

Modifica dei dati inseriti nel registro
(1) L’ intermediario indipendente e il rappresentante rappresentato comunicano senza indebito ritardo alla Banca nazionale ceca qualsiasi modifica dei dati inseriti nel registro per quanto riguarda i dati relativi al suo rappresentante legato.

(2) La notifica ai sensi del paragrafo 1 deve essere presentata tramite l’applicazione elettronica della Banca nazionale ceca per la registrazione delle entità. La notifica deve essere accompagnata da documenti comprovanti i fatti in essa contenuti.

(3) La Banca nazionale ceca è obbligata ad apportare modifiche ai dati conservati nel registro entro 5 giorni lavorativi dal giorno in cui le è stata consegnata la notifica, a meno che la modifica non sia un motivo per revocare l’autorizzazione ad operare.

(4) I paragrafi da 1 a 3 non si applicano alle modifiche ai dati che sono conservati nei registri di base come dati di riferimento. “.

L’attuale titolo III è denominato titolo IV.

7. Nella sezione 84 (1), le parole “o coloro che sono interessati al risparmio previdenziale integrativo” sono inserite dopo le parole “offerta a un partecipante”.

8. Nella sezione 127, le parole “svolgendo le attività di cui alla sezione 74 (2)” sono sostituite dalle parole “organizzando risparmi pensionistici integrativi”.

9. Nel § 128 paragrafo 1 let. b) al punto 1, le parole “svolgendo l’attività di cui all’articolo 74, comma 2” sono sostituite dalle parole “mediante organizzazione del risparmio previdenziale integrativo”.

10. Nel § 128 paragrafo 1 let. b) al punto 2, le parole “attività di cui alla sezione 74, comma 2, o risparmio previdenziale integrativo” sono sostituite dalle parole “risparmio previdenziale complementare o sua intermediazione”.

11. Nella sezione 128 (2), le parole “svolgimento dell’attività di cui alla sezione 74 (2) o risparmio pensionistico complementare” sono sostituite dalle parole “risparmio pensionistico complementare o sua mediazione”.

12. Nella parte dieci, titolo I, titolo 2, parte 2, le parole “e consenso” sono sostituite dalle parole “, consenso, autorizzazione e accreditamento”.

13. Nel § 142 paragrafo 2 let. c) le parole “, un intermediario indipendente o un agente collegato” sono inserite dopo la parola “società”.

14. Nel § 142 paragrafo 2 lett. h) dopo le parole “sospendere le società di pensione” sono inserite le parole “, intermediario indipendente o agente collegato”.

15. Nel § 145, prima frase, le parole “, intermediario indipendente o agente collegato” devono essere inserite dopo la parola “società”, le parole “, intermediario indipendente o agente collegato” devono essere inserite dopo la parola “società”, la la parola “non scambiato” deve essere sostituita dalla parola “non scambiata” e la parola “trovato” è sostituita dalla parola “trovato”.

16. Nella sezione 145, seconda frase, dopo la parola “società” sono inserite le parole “, un intermediario indipendente o un agente collegato”.

17. Nella sezione 151 (1), prima frase, le parole “, un intermediario indipendente o un agente collegato” devono essere inserite dopo la parola “società”, le parole “carenze nella sua” sono sostituite dalle parole “carenze loro ”e le parole“ rimedio in loro ”devono essere sostituite dalle parole“ rimedio in loro ”.

18. La sezione 154, compreso il titolo, recita:

㤠154

Revoca dell’autorizzazione ad operare
(1) La Banca nazionale ceca può revocare l’autorizzazione ad agire come intermediario indipendente o agente collegato se

a) l’ intermediario indipendente o rappresentante legato non soddisfa le condizioni per il rilascio dell’autorizzazione ad operare,

b) l’azione riparatrice imposta non ha portato alla riparazione,

c) un intermediario indipendente o un agente collegato viola ripetutamente o gravemente l’obbligo previsto dalla presente legge o da altre disposizioni legali nella misura in cui si riferiscono alla mediazione del risparmio previdenziale complementare, quando media il risparmio pensionistico complementare,

d) l’ intermediario indipendente o l’agente collegato viola una condizione o un obbligo stabilito in una decisione esecutiva emessa ai sensi della presente legge, o

e) l’ autorizzazione di un intermediario indipendente o di un agente collegato è stata concessa sulla base di informazioni false o fuorvianti.

(2) Parte nel procedimento di revoca dell’autorizzazione ad agire come rappresentante legato è il rappresentante legato e rappresentato.

(3) La Banca nazionale ceca pubblica una decisione finale sulla revoca dell’autorizzazione ad operare sul proprio sito web.

(4) La Banca nazionale ceca può informare il pubblico in modo appropriato sulla revoca dell’autorizzazione ad operare, dopo che la decisione con cui è stata revocata l’autorizzazione ad operare è diventata definitiva.

19. Nella sezione 160 (2), le lettere da f) ad h) sono cancellate.

Le lettere esistenti da i) a z) sono indicate come lettere da f) a w).

20. Nella sezione 160, paragrafo 3, le lettere e) ed f) sono cancellate.

Le lettere esistenti da g) a i) sono indicate come lettere da e) a g).

21. Nel § 160, il paragrafo 4 recita:

“ (4) Una società di previdenza o un intermediario indipendente commette un reato:

(a) come rappresentato

1.non ha un contratto scritto con un rappresentante legato ai sensi dell’articolo 78, paragrafo 2,

2. notifica al rappresentante legato in violazione del § 78b paragrafo 1,

3.non risolve senza indebito ritardo l’obbligo previsto dal contratto di agenzia ai sensi della Sezione 78d (1),

4. non notifica alla Banca nazionale ceca senza indebito ritardo la risoluzione dell’obbligo ai sensi del contratto di agenzia ai sensi della Sezione 78d (3), o

5. non conserva i documenti ai sensi della Sezione 78f, o

b) non notifica alla Banca nazionale ceca senza indebito ritardo una modifica dei dati ai sensi della Sezione 83 (1) o dichiara un’informazione incompleta o falsa sul fatto inserito nel registro nella notifica della modifica dei dati. “.

22. Nella sezione 160, i seguenti nuovi paragrafi da 5 a 9 sono inseriti dopo il paragrafo 4:

“ (5) Un’impresa di previdenza, un intermediario indipendente o un agente collegato commette un reato:

a) in violazione dell’articolo 76, comma 1, impone a una persona che partecipa o deve partecipare alla distribuzione di risparmi pensionistici integrativi di effettuare un’iscrizione o altro pagamento simile quale condizione per il pagamento della futura remunerazione per tale attività,

b) in violazione dell’articolo 76, comma 2, deriva la remunerazione di un soggetto che partecipa o partecipa alla distribuzione del risparmio previdenziale integrativo dall’acquisizione di altre persone per tale attività da parte di tale soggetto,

c) non agisce in modo qualificato, onesto ed equo e nel migliore interesse dei partecipanti o di coloro che sono interessati al risparmio previdenziale integrativo ai sensi della Sezione 126,

d) accetta, offre o fornisce un incentivo in violazione del § 127,

e) agisce in comunicazione con una persona interessata al risparmio previdenziale complementare o un partecipante in violazione degli articoli da 130 a 132,

f) non informa il partecipante ai sensi della Sezione 133 o viola uno qualsiasi degli obblighi relativi alla comunicazione delle informazioni chiave ai partecipanti ai sensi della Sezione 134 o 135, o

g) non necessita di informazioni da parte dell’interessato al risparmio previdenziale integrativo o di un partecipante ai sensi dell’articolo 136.

(6) Una persona accreditata commette un reato:

a) nella domanda di proroga dell’accreditamento deve indicare un’indicazione falsa o incompleta del fatto che è condizione per il rinnovo dell’accreditamento, ovvero occultare tale informazione,

b) in violazione della Sezione 86, Paragrafo 5, non comunica senza indebito ritardo una modifica delle condizioni per la concessione o il rinnovo dell’accreditamento,

c) procede allo svolgimento degli esami professionali in violazione dell’articolo 87, commi 1 e 2,

d) non informa il candidato in merito al risultato dell’esame professionale ai sensi del § 87 par.3,

e) viola uno qualsiasi degli obblighi relativi al rilascio di un certificato di completamento di un esame professionale ai sensi della Sezione 87 (4), o

f) viola uno qualsiasi degli obblighi relativi alla conservazione di documenti o registrazioni ai sensi della Sezione 87 (6) o (7).

(7) Per un reato di cui al comma 4 lett a) punto 4, paragrafo 4, punto b) o conformemente al paragrafo 6 a). d) può essere inflitta una multa fino a 1.000.000 CZK.

(8) Per un reato di cui al comma 4 lett a) punto 1, 2, 3 o 5, può essere inflitta una multa fino a CZK 5000000.

(9) Per un reato di cui al comma 5 o al comma 6 lett a), b), c), e) of) può essere inflitta un’ammenda fino a 10000000 CZK. “.

L’attuale paragrafo 5 è rinumerato come paragrafo 10.

23. Nella Sezione 160, Paragrafo 10, il numero “4” è sostituito dal numero “3”.

24. Nella sezione 163 (1) della parte introduttiva della disposizione, le parole “illecito amministrativo” sono sostituite dalla parola “reato”.

25. Nella sezione 163 (1), lettera a) si legge:

” (A) nella domanda di autorizzazione, consenso, autorizzazione o accreditamento, fornire o nascondere qualsiasi indicazione falsa o incompleta del fatto che costituisce una condizione per l’autorizzazione, il consenso, l’autorizzazione o l’accreditamento,”.

26. Nella sezione 163 (1), la lettera g) recita:

” G) media i risparmi pensionistici integrativi in ​​violazione della Sezione 74 (1) o organizza esami professionali in violazione della Sezione 85,”.

27. Nella sezione 163 (1), la lettera h) è abrogata.

Le lettere esistenti i) ej) sono indicate come lettere h) e i).

28. Nella sezione 163, paragrafi da 2 a 4, le parole “illecito amministrativo” sono sostituite dalla parola “reato”.

29. Nel § 163, i paragrafi 5 e 6 recitano:

« (5) Un intermediario indipendente commette un reato predisponendo risparmi pensionistici integrativi

a) svolge un’attività in violazione dell’articolo 74, paragrafo 2 o 4,

b) viola l’obbligo di svolgere attività con diligenza professionale ai sensi dell’articolo 75, comma 1,

c) viola l’obbligo relativo alla conservazione di documenti e registrazioni ai sensi della Sezione 75a,

d) non comunica senza indebito ritardo la modifica di alcuno dei dati ai sensi dell’articolo 77d par.

e) viola uno qualsiasi degli obblighi relativi all’assicurazione di cui al § 77f, o

f) viola uno qualsiasi degli obblighi relativi alle regole di controllo delle attività e conflitto di interessi ai sensi della Sezione 77h.

(6) L’ agente collegato commette il reato:

a) svolge un’attività in violazione del § 74 par.3 o 4,

b) viola l’obbligo di svolgere attività con cura professionale ai sensi dell’articolo 75 (1), o

c) non risolve senza indebito ritardo l’obbligo previsto dal contratto di agenzia ai sensi della Sezione 78d (2). ”.

30. Nella sezione 163, il seguente nuovo paragrafo 10 è inserito dopo il paragrafo 9:

” (10) Per un reato ai sensi del paragrafo 1 (a), (a) o paragrafo 5 (a) d) può essere inflitta una multa fino a 1000000 CZK. ”.

Gli attuali paragrafi 10 e 11 sono rinumerati come paragrafi 11 e 12.

31. Nel § 163, i paragrafi 11 e 12 recitano:

” (11) Per un reato ai sensi del paragrafo 1 (a), da b) af), h) o i), comma 3, comma 6 lett c) o in base ai paragrafi da 7 a 9, può essere inflitta un’ammenda fino a 5000000 CZK.

(12) Per un reato di cui al comma 1 lett g), commi 2, 4, comma 5 lett a), b), c), e) of) o secondo il comma 6 lett a) ob) può essere inflitta un’ammenda fino a 10000000 CZK. “.

32. La seguente nuova sezione 165 bis è inserita dopo la sezione 165:

㤠165a

(1) Ai fini della presente legge, una persona fisica che è completamente indipendente e fornisce una condizione preliminare per il corretto svolgimento delle attività ai sensi della presente legge deve essere considerata affidabile.

(2) Ai fini della presente legge, una persona giuridica la cui attività corrente presuppone il corretto funzionamento di un’attività ai sensi della presente legge è considerata credibile. “.

33. Nella Sezione 170, il testo “Sezione 81, Sezione 82 (1)” è sostituito dal testo “Sezione 77b (1)”.

Arte. VIII

Disposizioni temporanee
1.Un commerciante di valori mobiliari, compreso un commerciante di valori mobiliari che è una banca che ha registrato o autorizzato le attività di licenza concesse di cui alla sezione 74 (1) della legge n. 427/2011 Coll., Come modificato prima della data di entrata in vigore la presente legge e un intermediario per gli investimenti che ha registrato le attività di cui alla sezione 74 (1) della legge n. 427/2011 Coll., come modificato prima della data di entrata in vigore della presente legge, devono essere considerati intermediario ai sensi della legge n. 427/2011 Coll., Come modificata con effetto dalla data di entrata in vigore della presente legge. A partire da tale data, la Banca nazionale ceca li iscriverà nel registro come intermediari indipendenti ai sensi della legge n. 427/2011 Coll., Come modificata dalla data di entrata in vigore della presente legge; a un commerciante di valori mobiliari che non è una banca e deve modificare ai sensi della sezione 6a (1) della legge n.

2. Un rappresentante collegato di una società di previdenza, intermediario degli investimenti o commerciante di valori mobiliari, compreso un commerciante di valori mobiliari che è una banca che ha registrato le attività di cui alla sezione 74 (1) della legge n. 427/2011 Coll., Nell’elenco di agenti collegati, nella formulazione in vigore prima della data di entrata in vigore della presente legge, la data di entrata in vigore della presente legge sarà considerata un rappresentante collegato ai sensi della legge n. 427/2011 Coll., come modificata dalla data di entrata in vigore della presente legge. A partire da tale data, la Banca nazionale ceca lo iscriverà nel registro come rappresentante vincolato per una società di previdenza o un intermediario indipendente di cui era rappresentante legato prima della data di entrata in vigore della presente legge.

3. Domanda di registrazione di attività ai sensi della Sezione 74, Paragrafo 1 della Legge n. 427/2011 Coll., Come modificata prima della data di entrata in vigore della presente legge, o per la loro autorizzazione nella licenza concessa presentata prima della data di entrata in vigore della presente legge, che non era valida decisa prima della data di entrata in vigore della presente legge, la data di entrata in vigore della presente legge sarà considerata una domanda di autorizzazione ad agire come intermediario indipendente ai sensi della legge N. 427/2011 Coll., Come modificato dalla data di entrata in vigore della presente legge, procede in conformità con la legge n. 427/2011 Coll., Come modificata, in vigore dalla data di entrata in vigore della presente legge.

4.A una domanda di registrazione di un rappresentante legato di una società di previdenza nell’elenco ai sensi dell’articolo 79 (3) della legge n. 427/2011 Coll., Come modificato prima della data di entrata in vigore della presente legge, a una domanda di cancellazione di un rappresentante legato di una società di previdenza ai sensi della sezione 79 n. 427/2011 Coll., come modificata prima della data di entrata in vigore della presente legge, alla domanda di registrazione delle attività ai sensi della sezione 74, paragrafo 1 della legge 427/2011 Coll., Come modificato prima della data di entrata in vigore della presente legge, all’elenco di un agente collegato a un agente collegato di un intermediario degli investimenti o di un commerciante di valori mobiliari o alla richiesta di cancellazione di tale attività dal l’elenco degli agenti collegati presentato prima della data di entrata in vigore della presente legge non sarà preso in considerazione se l’entrata o la cancellazione non è stata fatta entrare in vigore della presente legge.La Banca nazionale ceca restituirà al richiedente la tassa amministrativa pagata senza indebito ritardo.

5. Una domanda di un intermediario per gli investimenti, un commerciante di valori mobiliari che non è una banca o una domanda di una banca per la cancellazione della registrazione o del permesso di attività ai sensi della Sezione 74 (1) della Legge n. 427/2011 Coll., Come modificato prima della data di entrata in vigore della presente legge, presentata prima della data di entrata in vigore della presente legge, che non è stata definitivamente decisa prima della data di entrata in vigore della presente legge, la data di entrata in vigore della presente legge deve essere considerata come una notifica di un intermediario indipendente sulla cessazione delle attività ai sensi della legge n. 427/2011 Coll. della presente legge, e il procedimento che lo riguarda si conclude in questo giorno.

6. A un intermediario per gli investimenti ai sensi del punto 1, che dovrà pagare una commissione ai sensi della Sezione 30b (2) della Legge n. 256/2004 Coll., Come modificato prima della data di entrata in vigore della presente Legge, e ai sensi della Sezione 82 (3) della legge n. 427/2011 Coll., Come modificata prima della data di entrata in vigore della presente legge, la registrazione delle attività di cui alla sezione 74 (1) della legge n. 427/2011 Coll., Come modificato prima della data di entrata in vigore della presente legge, si rinnova entro la fine del secondo anno solare successivo al pagamento della quota.

7. Il rappresentante collegato dell’intermediario per gli investimenti o del commerciante di valori mobiliari ai sensi del punto 2, per il quale viene pagata una commissione nel 2019 ai sensi della Sezione 32g (4) della legge n. 256/2004 Coll. § 80 paragrafo 2 e § 82 paragrafo 6 della Legge n. 427/2011 Coll., Come modificato prima della data di entrata in vigore della presente legge, l’iscrizione nell’elenco dei rappresentanti legati è rinnovata entro la fine del secondo anno solare successivo al pagamento della quota.

PARTE OTTAVA

Modifica alla legge sulle società di investimento e sui fondi di investimento
Arte. IX

Legge n. 240/2013 Coll., Sulle società di investimento e sui fondi di investimento, come modificata dalla legge n. 336/2014 Coll., Legge n. 377/2015 Coll., Legge n. 148/2016 Coll., Legge n. 368 / 2016 Coll., Legge n. 183/2017 Coll. e la legge n. 204/2017 Coll., è modificata come segue:

1. Nella nota 1, l’ultima frase è sostituita dalla frase “Art. Articolo 2, paragrafo 2, della direttiva (UE) 2017/1132 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2017, su alcuni aspetti di diritto societario (versione codificata). “.

2. Nella nota 2, le parole “, come modificato dal regolamento delegato (UE) 2018/1618 della Commissione” sono aggiunte alla fine della terza frase, e le parole “, come modificato dal regolamento (CE) n. 2018/1618 “sono aggiunti alla fine della quarta e della quinta frase. (UE) 2017/1991 del Parlamento europeo e del Consiglio”, nell’ottava frase, le parole “(UE) che attua la direttiva 2009/65 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i depositari di OICVM “sono sostituiti dal” regolamento delegato (UE) n. 438/2016 del 17 dicembre 2015 che integra la direttiva 2009/65 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli obblighi di depositario , come modificato dal regolamento delegato (UE) 2018/1619 della Commissione “e alla fine delle note a piè di pagina sono aggiunte frasi su righe separate

“Arte. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2015/2365 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, sulla trasparenza delle operazioni di finanziamento e riutilizzo e che modifica il Regolamento (UE) n. 648/2012.

Regolamento (UE) 2017/1131 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2017, sui fondi del mercato monetario, come modificato dal Regolamento delegato (UE) 2018/990 della Commissione.

Regolamento delegato (UE) 2018/480 della Commissione, del 4 dicembre 2017, che integra il regolamento (UE) 2015/760 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione sugli strumenti finanziari derivati ​​utilizzati esclusivamente al fine di garantire una durata sufficientemente Fondi di investimento europei a lungo termine, criteri per valutare il mercato dal punto di vista dei potenziali acquirenti e per valutare le attività detenute per la vendita e le tipologie e requisiti di attrezzature per gli investitori al dettaglio. “.

3. Al § 6 è aggiunto il paragrafo 5, che, inclusa la nota n. 19, recita come segue:

” (5) Il fondo del mercato monetario della Società di gestione ai sensi dei regolamenti UE direttamente applicabili che disciplinano i fondi del mercato monetario 19 ) (di seguito” Fondo del mercato monetario “) può essere solo la Società di gestione autorizzata a gestire i fondi standard o fondi di investimento esteri comparabili o la Società di gestione autorizzata superare un determinato limite (§ 16).

19 ) Regolamento (UE) 2017/1131 del Parlamento europeo e del Consiglio. “.

4. Nel § 9 paragrafo 3 let. a) le parole “comparabile alle attività del Fondo per Investitori Qualificati” sono sostituite dalle parole “ai sensi della Sezione 15 (1)”.

5. Nel § 16 paragrafo 3 e 6, § 31 paragrafo 5 let. a) eb), § 55, § 70 para 3, § 71 para 3, § 72 para 5, § 73 para 4, § 74 para 4, § 77 para 3, § 78 para 5 , § 81 para 2, § 82 para 1, § 82 para. b), § 89 paragrafo 2, § 200 paragrafo 1, § 234 paragrafo 6, § 241 paragrafo 5, § 316 paragrafo 2 lett. a) eb), § 318 par.2 lett. a), § 319 paragrafo 2 lett. a), § 324 par.2 lett. b), § 325 par.3, § 327 par.3, § 337 lettera b), § 463 paragrafo 3, § 464 paragrafo 2, § 481 paragrafo 1 lett. f), § 548 paragrafo 2 e nel § 584, le parole “regolamento dell’Unione europea direttamente applicabile che attua la direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che disciplina i gestori di fondi di investimento alternativi 6 )” sono sostituite dalle parole “regolamento delegato della Commissione ( UE) n. 231/2013 “.

6. Nella sezione 20a (1), le parole “attività sui mercati finanziari” sono sostituite dalle parole “gestione di fondi di investimento”.

7. Nella sezione 25, dopo il paragrafo 2 è inserito il nuovo paragrafo 3 seguente:

” (3) Il gestore di un fondo di investimento o di un fondo di investimento estero può affidare lo svolgimento di una singola attività, che include la gestione di un fondo di investitori qualificati o di un comparabile fondo di investimento estero, a una persona che non soddisfa il requisito ai sensi del paragrafo 1, lettera a). d), se notifica alla Banca nazionale ceca entro e non oltre 1 mese prima della data di entrata in vigore dell’autorizzazione, informazioni su chi deve essere autorizzato a svolgere tale attività, e allo stesso tempo le fornisce le informazioni necessarie per valutare conformità con § 23, e la Banca nazionale ceca non notifica a tale manager entro 1 mese dalla data di ricezione di questa notifica che non è d’accordo con questa autorizzazione. “.

L’attuale paragrafo 3 è rinumerato come paragrafo 4.

8. Nel § 28, § 96 lettera a), § 204 paragrafo 1, § 273 paragrafo 1 e 2, § 291 paragrafo 2, § 293 paragrafo 2, § 298 paragrafo 1, § 479 paragrafo 1 lett. k), § 479 paragrafo 2 della parte introduttiva della disposizione, § 479 paragrafo 2 lett. a), § 480 paragrafo 3 della parte introduttiva della disposizione, § 480 paragrafo 3 lett. a), § 485 par.1 let. b) punti da 5 a 8, § 485 par.1 lett. c) punti 5, 7 e 8, § 485 par.1 lett. d) punti 5, 7 e 8, § 486 par.1 lett. b) e al § 599 paragrafo 2, le parole “regolamento dell’Unione Europea che disciplina i fondi europei di venture capital 7 ) ” direttamente applicabile sono sostituite dalle parole “Regolamento (UE) n. 345/2013 del Parlamento europeo e del il Consiglio, come modificato ”.

9. Nel § 38 paragrafo 1 let. (h) le parole “e, se l’amministratore, in qualità di gestore, gestisce questo fondo, la custodia dei titoli e la tenuta dei registri dei titoli contabili emessi da questo fondo” sono cancellate.

10. Nel § 38 paragrafo 1 let. (j) le parole “e, se l’amministratore, in qualità di gestore, gestisce questo fondo, l’offerta di investimenti in questo fondo” saranno cancellate.

11. Nella sezione 38 (1), alla fine della lettera r), la parola “a” è sostituita da una virgola, alla fine del paragrafo, il punto è sostituito dalla parola “a” e dalla lettera seguente t) è aggiunto:

“( T) altre attività direttamente collegate alle attività di cui alle lettere da a) a (s).”.

12. Nel § 83 paragrafo 1, seconda frase, dopo il testo “§ 73 paragrafo 1 lett. f) “inserire le parole” e § 73 par. 2 “.

13. Al § 83, è aggiunto il seguente paragrafo 5:

” (5) Il depositario del fondo di investitori qualificati controlla gli ordini ai sensi della Sezione 73, Paragrafo 2 dopo la loro esecuzione, salvo diverso accordo con il gestore.”.

14. Nella sezione 87, il testo attuale diventerà il paragrafo 1 e sarà aggiunto il seguente paragrafo 2:

” (2) Il depositario di un fondo di investimento deve essere parte del contratto con lo sponsor principale solo se lo sponsor principale ha il diritto di detenere attività ai sensi del comma 1 lettera. b). “

15. Nella lettera del § 96 b), § 204 par.1, § 273 par.1 e 3, § 298 par.2, § 479 par.1 lett. l), § 479 paragrafo 2 della parte introduttiva della disposizione, § 479 paragrafo 2 lett. b), § 480 paragrafo 3 della parte introduttiva della disposizione, § 480 paragrafo 3 lett. b), § 485 par.1 let. b) punti 5, 6, 9 e 10, § 485 par.1 lett. c) punti 5, 6, 9 e 10, § 485 par.1 lett. d) punti 5, 6, 9 e 10 e al § 486 par.1 lett. b) i termini “legislazione dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina i Fondi europei per l’imprenditoria sociale 9 )” sono sostituiti da “regolamento (UE) n. 346/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, come modificato”.

16. Nella sezione 98 (2), le parole “persone di cui alla sezione 2a (1) della legge che disciplina le attività del mercato dei capitali” sono sostituite dalle parole “investitori qualificati”.

17. Al § 98 è aggiunto il seguente paragrafo 4:

” (4) Il divieto di cui al paragrafo 1 si applica anche alle attività svolte in relazione alla Sezione 15, Paragrafo 1.”.

18. La sezione 100, compreso il titolo, recita:

㤠100

Fondi di investimento collettivo
(1) Un fondo di investimento collettivo può essere solo

(a) un fondo comune di investimento; o

b) una società per azioni.

(2) Tuttavia, solo un fondo comune di investimento aperto o una società per azioni con capitale sociale variabile può essere un fondo standard, un fondo di investimento collettivo che investe come fondo del mercato monetario o un fondo di investimento collettivo che investe in una società immobiliare.

(3) Ai fini della presente legge, per società immobiliare si intende una società per azioni, una società a responsabilità limitata o un’entità giuridica comparabile ai sensi della legge di uno stato estero, il cui oggetto di attività è principalmente l’acquisizione di beni immobili, gestione patrimoniale e trasferimento di proprietà di beni immobili a titolo oneroso. profitto. “

19. Nella Sezione 101 (2), le parole “o come fondo del mercato monetario a breve termine” devono essere eliminate.

20. Nel § 104, il paragrafo 2 è cancellato e allo stesso tempo la designazione del paragrafo 1 è cancellata.

21. La sezione 107 è abrogata.

22. Nella sezione 108 (2), seconda frase, le parole “, gestore di fondi comuni di investimento” devono essere aggiunte dopo la parola “liquidatore”.

23. La sezione 113, compreso il titolo, recita:

㤠113

Assemblea degli azionisti
(1) L’assemblea degli azionisti è istituita se determina lo statuto del fondo comune di investimento, che determinerà anche l’ambito di questa assemblea e le regole per il suo processo decisionale.

(2) Le disposizioni del codice civile sulla nullità delle deliberazioni di un’assemblea dei membri di un’associazione si applicano in modo analogo alla decisione dell’assemblea degli azionisti. ”.

24. Nella sezione 130, paragrafo 3, le parole “o il gestore” sono inserite dopo la parola “depositario”.

25. Nel § 130, il paragrafo 4 recita:

„ (4) Un certificato di quota può essere rilasciato diversamente rispetto al paragrafo 3 solo se una persona che è un cliente professionale ai sensi del § 2a par. da a) ad h) della legge che disciplina le attività del mercato dei capitali o una persona simile ai sensi della legge di un altro Stato membro, sotto forma di obbligo irrevocabile di sottoscrivere una quota e pagare l’importo di cui al paragrafo 1 o 2 a un conto in contanti istituito per tale fondo dal suo depositario o gestore; entro il termine specificato nello Statuto. “.

26. All’articolo 132, paragrafo 1, la lettera a) è abrogata.

Le lettere da b) ad e) esistenti sono indicate come lettere da a) ad).

27. Nella Sezione 132, Paragrafo 3, la parola “investitore” è sostituita dalle parole “che è un fondo speciale che investe”.

28. Al § 132, è aggiunto il seguente paragrafo 4:

” (4) Per il periodo specificato nello statuto di un fondo comune di investimento aperto, che è un fondo di investitori qualificati, ma non oltre 5 anni dalla data di costituzione del fondo comune, le quote emesse da questo fondo devono non essere riscattato. “.

29. Nel § 134, il paragrafo 1 recita:

” (1) Il Gestore può decidere di sospendere l’emissione o il rimborso di certificati di quote di un fondo comune di investimento aperto solo se

a) ove necessario per la tutela dei diritti o degli interessi giuridicamente protetti dei detentori di quote; o

(b) per il tempo strettamente necessario anche per ragioni operative, in particolare in relazione alle attività connesse al bilancio. “.

30. Nel § 134 paragrafo 3 let. d) le parole “o b)” sono sostituite dalle parole “punto 1 o 2 o secondo il § 139 paragrafo 1 lett. b) “.

31. Nella sezione 136 è aggiunto il seguente paragrafo 3:

« (3) Lo statuto di un fondo comune di investimento aperto, che è un fondo di investitori qualificati, può fissare un termine diverso per la sospensione dell’emissione o del rimborso di certificati di quote; è vietato specificare questo periodo superiore a 2 anni. “.

32. Nel § 139 paragrafo 1 let. a) le parole “il valore corrente alla data della domanda, o” sono soppresse e sono aggiunti i seguenti punti 1 e 2:

” 1. il valore corrente alla data della domanda, o

2. il primo valore corrente determinato il giorno della ripresa dell’emissione o del rimborso dei certificati di quote ai sensi del § 141 lett. e); in tal caso, non calcola il valore attuale delle quote durante il periodo di sospensione, oppure ».

33. Nel § 148, il paragrafo 3 recita:

” (3) Un fondo fiduciario diventa un fondo di investimento il giorno dell’iscrizione nell’elenco pertinente mantenuto dalla Banca nazionale ceca. Una volta che un fondo fiduciario è diventato un fondo di investimento, l’azione legale costitutiva non può essere dichiarata nulla e quindi la sua iscrizione nell’elenco dei fondi di investimento aventi forma giuridica di fondo fiduciario non può essere annullata. “.

34. Nel § 148, il paragrafo 4 è soppresso.

L’attuale paragrafo 5 è rinumerato come paragrafo 4.

35. Al § 162, è aggiunto il seguente paragrafo 3:

” (3) Un diritto di voto non è associato a una quota di partecipazione, a meno che lo statuto non disponga diversamente.”.

36. Nel § 166, il paragrafo 2 è cancellato e allo stesso tempo la designazione del paragrafo 1 è cancellata.

37. Nel § 169, il paragrafo 2 è soppresso.

L’attuale paragrafo 3 è rinumerato come paragrafo 2.

38. Nella sezione 169 (2), le parole “; dove la presente legge o altra normativa legale utilizza il termine fondo di investimento, significa, invece del fondo di investimento, il suo comparto ”.

39. Nella parte sei, titolo II, parte 4, sezione 3, la seguente sezione 169a è inserita dopo la sezione 169:

㤠169a

Quando la presente legge utilizza il termine “fondo di investimento”, “fondo di investimento collettivo” o “fondo di investitori qualificati”, nel caso di un fondo di investimento che crea comparti, un comparto di un fondo di investimento, a meno che altrimenti previsto dalla presente legge. “.

40. Al § 179 è inserito il nuovo paragrafo 1 seguente:

” (1) Per l’adozione di una decisione sulla modifica della partnership è richiesto il consenso del socio accomandatario e, se il contratto di partnership non specifica una maggioranza maggiore, il consenso di almeno la maggioranza dei voti di tutti accordo, nonché una decisione di conseguenza.

Il testo attuale viene rinumerato come paragrafo 2.

41. La sezione 188, compreso il titolo, recita:

㤠188

Promotore di fondi di investimento
(1) Il promotore di un fondo di investimento è una persona che ha il diritto di decidere chi sarà il gestore, amministratore e depositario di questo fondo di investimento, nonché di decidere in merito a un cambiamento nella persona del promotore, gestore, amministratore o depositario.

(2) Se il promotore del fondo di investimento è una persona giuridica, l’autorità competente per questo processo decisionale è l’organo statutario di questa persona giuridica; un altro organo di questa persona giuridica, che è altrimenti competente a prendere decisioni ai sensi della presente legge o di un altro regolamento giuridico, non decide in questo caso.

(3) Se il diritto di decidere ai sensi del paragrafo 1 appartiene all’organismo di un fondo di investimento dotato di personalità giuridica, questo fatto deve essere indicato nello statuto di questo fondo di investimento.

(4) Se vi sono più promotori di un fondo di investimento, essi prendono decisioni ai sensi del paragrafo 1 di comune accordo, a meno che lo statuto del fondo di investimento non stabilisca che uno solo di loro decide o che la decisione è presa diversamente. ”.

42. Nel § 193, il paragrafo 3 recita:

” (3) L’ amministratore non è obbligato a risarcire i danni causati da un calcolo errato del valore corrente, se

a) l’ ammontare del danno è trascurabile e i costi ragionevoli associati al suo risarcimento supererebbero chiaramente l’importo del risarcimento, o

(b) la deviazione dal corretto calcolo del valore effettivo non supera

1. 0,25% del valore del capitale del fondo di un fondo di investimento che investe come fondo del mercato monetario,

2. 0,5% del valore del capitale del fondo di altri fondi di investimento. “.

43. Nel § 193, sono aggiunti i seguenti paragrafi da 4 a 5:

“ (4) I danni causati da un calcolo errato del valore corrente possono essere risarciti da un amministratore che non è un fondo di investimento autonomo dalle attività del fondo di investimento se il fondo di investimento si è arricchito a seguito di una determinazione errata della corrente valore e solo fino a tale arricchimento.

(5) Il valore corrente non sarà calcolato entro il periodo di cui alla Sezione 130, Paragrafo 2 e Sezione 133. ”.

44. Al § 204, è aggiunto il seguente paragrafo 3:

” (3) Per un fondo di investimento che è un fondo del mercato monetario e per una persona giuridica che deve diventare un fondo del mercato monetario, le disposizioni della presente legge o di altri regolamenti legali si applicano nella misura consentita dalla normativa dell’Unione europea direttamente applicabile fondi governativi. mercato monetario 19 ). “.

45. Nel § 215 (1), lettera a) si legge:

” (A) le regole per la composizione delle attività di questo fondo, consistenti nella definizione degli elementi che possono essere acquisiti nelle attività di questo fondo e i limiti di investimento da osservare in relazione a tali elementi, compresi i limiti di investimento quando si copia il composizione dell’indice azionario e titoli simili che rappresentano una quota di una società o altra persona giuridica o un indice di obbligazioni e titoli simili che rappresentano un diritto a rimborsare l’importo dovuto o un altro indice, ”.

46. Nella sezione 215 (2) della parte introduttiva della disposizione, le parole “e per un fondo di investimento collettivo che investe come fondo del mercato monetario o come fondo del mercato monetario a breve termine” devono essere eliminate.

47. Nella sezione 220, comma 1, in calce al testo della lettera a), sono aggiunte le parole “o dati necessari all’identificazione del promotore, se previsti”.

48. Nel § 220 paragrafo 1 let. k) le parole “lo svolgimento di una singola attività che comporta la gestione di un fondo di investimento o di un fondo di investimento estero” sono inserite dopo le parole “un altro è incaricato”.

49. Nella sezione 220, paragrafo 1, alla fine del testo della lettera l), sono aggiunte le parole “, comprese le informazioni ai sensi dell’articolo 14 del regolamento (UE) 2015/2365 del Parlamento europeo e del Consiglio” sono aggiunte .

50. Nella sezione 234, paragrafo 1, alla fine del testo della lettera j), sono aggiunte le parole “, comprese le informazioni ai sensi dell’articolo 13 del regolamento (UE) 2015/2365 del Parlamento europeo e del Consiglio” sono aggiunte .

51. Nella sezione 239 (1) della parte introduttiva della disposizione, le parole “fondo standard” sono sostituite dalle parole “fondo di investimento collettivo”.

52. Nel § 239 paragrafo 1 let. a) le parole “in 2 settimane” sono sostituite dalle parole “entro il periodo di cui alla Sezione 193 il valore corrente di un certificato di quota, quota di investimento o altra quota in un fondo di investimento”, le parole “informazioni sul valore corrente di il capitale del fondo di questo fondo e “e le parole”; nel caso di un fondo di investimento collettivo che investe in beni immobili o in partecipazioni in società immobiliari e che ha fissato termini per la presentazione della domanda di rimborso di titoli o titoli contabili emessi da esso, tale informazione deve essere un giorno prima dell’inizio di questo periodo; resta fermo l’obbligo di indicare il valore attuale anche più frequentemente qualora sia nell’interesse della tutela degli azionisti.

53. Nel § 239 paragrafo 1 let. b) le parole “e sugli importi per i quali tali titoli o titoli contabili sono stati emessi e rimborsati” sono cancellati.

54. Nel § 239 par.

55. Nel § 239, il paragrafo 3 è soppresso.

56. Nel § 240 paragrafo 1 let. a) le parole “in 2 settimane” sono sostituite dalle parole “entro il periodo di cui all’art. 193”.

57. Nel § 240, il paragrafo 2 è cancellato e allo stesso tempo la designazione del paragrafo 1 è cancellata.

58. Nel § 241 paragrafo 1 let. a) alla fine del testo del punto 3 sono aggiunti i termini “, comprese le informazioni di cui all’articolo 14 del regolamento (UE) 2015/2365 del Parlamento europeo e del Consiglio”.

59. Nella sezione 241, paragrafo 1, alla fine del testo della lettera n), sono aggiunte le parole “e ai sensi dell’articolo 13 del regolamento (UE) 2015/2365 del Parlamento europeo e del Consiglio”.

60. Nella sezione 284 (3), la seconda frase è cancellata.

61. Al § 293 è aggiunto il seguente paragrafo 3:

” (3) I dati di cui ai paragrafi 1 e 2 devono essere disponibili almeno in lingua ceca, slovacca o inglese.”.

62. In § 302 para 2, § 303 para. b), § 303 par. 4, § 576 par. 4 e nel § 595 par. 1 le parole “regolamentazione direttamente applicabile dell’Unione Europea che disciplina la cooperazione nella vigilanza nel campo degli investimenti collettivi che attua la Direttiva del Parlamento Europeo e del Il Consiglio che disciplina il coordinamento dei regolamenti nei settori degli investimenti collettivi di capitale 12 ) “sono sostituiti da” Regolamento (UE) n. 584/2010 della Commissione “.

La nota 12 è eliminata.

63. Al § 306, è aggiunto il seguente paragrafo 3:

” (3) Nel caso di fondi di investimento esteri assimilabili a un fondo standard, al quale non è connesso il diritto dei possessori di titoli o di valori mobiliari emessi da questo fondo di riacquistare per conto di questo fondo, comma 1 lettera. a) si applicano mutatis mutandis. “.

64. Al § 350, è aggiunto il seguente paragrafo 5:

” (5) La sezione 515 non si applica al liquidatore di una società di investimento.”.

65. Nella parte undicesima, titolo III, parte 1, le seguenti nuove sezioni da 362a a 362d sono inserite dopo la sezione 362, che recitano, compreso il titolo:

㤠362a

Disposizioni speciali in caso di fallimento di una società per azioni a capitale variabile
(1)Se è stata emessa una decisione sul fallimento di una società per azioni a capitale variabile, l’amministratore fallimentare o la persona che svolge compiti paragonabili al curatore fallimentare ai sensi del diritto estero trasferisce tutti i beni e i debiti dalle attività di investimento, nel caso di una società per azioni a capitale variabile. che non ha creato un comparto, o il trasferimento di tutti i comparti, nel caso di una società a capitale variabile che ha creato un comparto, ad un’altra società a capitale variabile ( il “trasferimento di beni”) avente lo stesso responsabile o amministratore, se applicabile per il corretto e prudente svolgimento di tali attività. Il trasferimento dei beni deve essere approvato anche dall’assemblea generale di una società per azioni a capitale variabile, che è in fallimento, mentre, in caso di voto sul trasferimento di beni, hanno diritto di voto solo gli azionisti che detengono le quote di partecipazione relative ai beni trasferiti. Il curatore fallimentare o il soggetto che, in base alla legge di uno Stato estero, svolge compiti paragonabili a quelli di un curatore fallimentare ha altresì il diritto di convocare un’assemblea generale di una società per azioni a capitale variabile in fallimento allo scopo di voto sul trasferimento dei beni.

(2) Se non è possibile procedere ai sensi del paragrafo 1, soprattutto se l’Assemblea generale non esprime il consenso, l’amministratore fallimentare o la persona che svolge compiti comparabili ai compiti dell’amministratore fallimentare ai sensi del diritto estero trasferisce un’altra società per azioni a capitale variabile acconsentire al trasferimento dei beni qualora ciò sia possibile ai fini del corretto e prudente svolgimento di tali attività. La seconda e l’ultima frase del paragrafo 1 si applicano mutatis mutandis.

(3) Nel caso in cui non sarà in grado di procedere in conformità con i paragrafi 1 e 2, soprattutto se l’Assemblea generale non dà il suo consenso, l’amministratore fallimentare o una persona che svolge compiti paragonabili all’amministratore fallimentare ai sensi del diritto straniero liquiderà attività e debiti derivanti da attività di investimento, comparto o comparti.

(4) Il trasferimento di attività ai sensi del paragrafo 1 o 2 avrà effetto dal contratto di trasferimento di attività, che richiede una forma scritta e contiene

a) dati identificativi relativi alla società per azioni a capitale variabile, i cui beni sono ceduti (di seguito la “società conferente”), e alla società per azioni a capitale sociale variabile cui è conferito (di seguito denominata “società ricevente”),

b) dati identificativi relativi ai beni ceduti,

c) nel caso in cui vengano trasferiti attivi di un’attività di investimento che non è un comparto, l’indicazione che tali attivi diventeranno un comparto della società acquirente e i dettagli identificativi del futuro comparto,

d) in caso di trasferimento di un comparto, i dati identificativi del comparto dopo il suo trasferimento,

e) il rapporto di cambio delle azioni, che deve essere determinato essere uguale per mantenere la quota dell’azionista interessato dalla permuta nei beni ceduti, e quindi fatti salvi i diritti in relazione alla quota di profitto e al saldo di liquidazione ,

f) norme dettagliate per lo scambio di azioni dopo il trasferimento di attività; e

g) una descrizione della variazione dei diritti degli azionisti dopo il trasferimento delle attività, se cambiano i loro diritti.

(5) Le attività trasferite diventano un comparto della società ricevente alla data di entrata in vigore del contratto di trasferimento delle attività.

(6) Le disposizioni della legge che disciplinano la trasformazione delle società di persone non si applicano alla procedura di cui ai paragrafi 1, 2, 4 e 5.

§ 362b

(1) Le disposizioni del codice civile sulla conversione di un titolo dematerializzato in un titolo si applicano alla procedura di scambio di azioni dematerializzate in azioni cartacee; tuttavia, la durata del periodo per la presentazione di una quota certificata può essere abbreviata dal contratto di acquisizione dei beni, fino a un periodo di 1 mese.

(2) Le disposizioni del codice civile sulla conversione di un titolo in un titolo contabile si applicano alla procedura di scambio di azioni cartacee in azioni contabili; tuttavia, la durata del periodo per la presentazione di una quota cartacea può essere abbreviata dalla società ricevente, fino a un periodo di 1 mese. La Società Incorporante richiederà al Deposito Centrale o al Deposito Centrale Estero di registrare le azioni contabili prima di inserire la modifica nei dati necessari per identificare il Comparto nel relativo elenco mantenuto dalla Banca Nazionale Ceca.

(3) Lo scambio di azioni cartacee con azioni cartacee deve essere effettuato dalla società ricevente senza indebito ritardo dopo l’efficacia dell’accordo sul trasferimento delle attività. Alla procedura di scambio di azioni cartacee si applicano, mutatis mutandis, le disposizioni della legge che regolano i rapporti giuridici delle società e delle cooperative sullo scambio di azioni cartacee in caso di aumento del capitale sociale per aumento del valore nominale delle azioni. . Le informazioni richieste dalla legge sulle società commerciali nella decisione dell’assemblea generale sono indicate nel contratto di acquisizione delle attività. Tuttavia, la durata del periodo per la presentazione di una quota certificata può essere abbreviata dal contratto di acquisizione delle attività, fino a un periodo di 1 mese.

(4) Se le azioni dematerializzate devono essere scambiate con azioni dematerializzate, la società ricevente, senza indebito documento dopo l’entrata in vigore dell’accordo di trasferimento, ordinare l’annullamento delle azioni esistenti e chiedere al depositario centrale o al depositario centrale estero di registrare nuove azioni dematerializzate prima dell’identificazione del comparto nel relativo elenco mantenuto dalla Banca nazionale ceca.

§ 362c

(1) Se la delibera dell’assemblea generale della società conferente non indica come lo statuto è modificato, il loro contenuto sarà modificato dall’organo statutario in conformità con la decisione dell’assemblea generale e l’accordo sul trasferimento di risorse. Se dalla delibera dell’assemblea generale della società ricevente non deriva il modo in cui lo statuto è modificato, il loro contenuto sarà modificato dall’organo statutario in conformità con la decisione dell’assemblea generale e l’accordo sul trasferimento dei beni .

(2) Un documento pubblico deve essere redatto sulla modifica del contenuto dello statuto da parte dell’organo statutario ai sensi del paragrafo 1.

§ 362d

(1) Un curatore fallimentare o una persona che, secondo la legge di uno Stato estero, svolge compiti paragonabili ai compiti di un curatore fallimentare ha diritto al rimborso delle spese in contanti e alla remunerazione per l’attività di cui alla Sezione 362a.

(2) Se la proprietà di una società per azioni a capitale variabile non è sufficiente a pagare un risarcimento per le spese in denaro e la remunerazione del curatore fallimentare o di una persona che, ai sensi della legge di uno Stato estero, svolge compiti paragonabili a un curatore fallimentare, lo Stato li pagherà.

(3) La Banca nazionale ceca stabilisce con decreto le regole per determinare l’importo della retribuzione e delle spese in denaro e le condizioni per il rimborso delle retribuzioni e delle spese in denaro di un curatore fallimentare o di una persona che svolge compiti paragonabili a quelli di un curatore fallimentare in base al diritto estero. l’importo massimo pagato dallo Stato. “

66. Nella sezione 381 (1), la seguente nuova lettera d) è inserita dopo la lettera c):

” (D) la conversione di un fondo di investitori qualificati in un fondo speciale,”.

Le lettere d) ed e) esistenti sono indicate come lettere e) ed f).

67. Nel § 430, è aggiunto il seguente paragrafo 3:

” (3) Contemporaneamente all’approvazione della conversione, la Banca nazionale ceca decide in merito all’approvazione del depositario e allo statuto di questo fondo.”.

68. Alla fine del testo del § 434, le parole “; la relazione annuale non è redatta alla data di liquidazione del fondo comune di investimento ”.

69. Nel § 461, alla fine del paragrafo 3, la frase “Ulteriori dettagli di questa notifica in relazione a un fondo di investimento estero paragonabile a un fondo standard sono definiti nell’articolo 1 e nell’Allegato I del Regolamento (UE) n. 584 della Commissione / 2010. “Viene aggiunto.

70. Nel § 479 paragrafo 1 let. c) le parole “controllano le attività delle persone che intendono affidare lo svolgimento di un’attività che coinvolge la gestione” sono sostituite dalle parole “le procedure per affidare a terzi lo svolgimento di un’attività che comporta la gestione o l’amministrazione di un fondo di investimento e per controllare le attività delle persone autorizzate “.

71. Nel § 488, il paragrafo 1 recita:

” (1) La Banca nazionale ceca, unitamente alla decisione che concede un’autorizzazione a gestire una società di investimento, un fondo di investimento autonomo e un amministratore principale, decide di concedere il consenso per svolgere la funzione di manager o persona ai sensi del Sezione 21 (5), se sono soddisfatte le condizioni preliminari stipulate nel § 516 par. 1. “.

72. Nella sezione 494 (4), le parole “un regolamento dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina la procedura per determinare lo stato di riferimento di un GEFIA non UE 13 )” sono sostituite dalle parole “Regolamento di esecuzione (UE) n. 448 / 2013 “.

La nota 13 è eliminata.

73. Nel § 504, il testo attuale è indicato come paragrafo 1 ed è aggiunto il seguente paragrafo 2:

” (2) La Banca nazionale ceca deve anche inserire una voce nell’elenco ai sensi della lettera § 596 b) od) e § 597 lettera d) o e) sulla base di una notifica da parte di un’autorità di vigilanza straniera di un altro Stato membro dell’intenzione di offrire investimenti o fornire servizi nella Repubblica ceca ai sensi della parte nona o decima della presente legge. In tal caso non viene presentata domanda di registrazione. “.

74. Nella sezione 511 (1), la seguente nuova lettera d) è inserita dopo la lettera c):

” (D) soddisfa i requisiti di cui all’articolo 4 del regolamento (UE) 2017/1131 del Parlamento europeo e del Consiglio in caso di registrazione di un fondo standard come fondo del mercato monetario.”

Le lettere d) ed e) esistenti sono indicate come lettere e) ed f).

75. Nel § 511 paragrafo 2 lettera e) si legge:

” (E) un gestore di fondi di investimento il cui statuto ha consentito la creazione di comparti deve certificare che i requisiti di cui all’articolo 4 del regolamento (UE) 2017/1131 del Parlamento europeo e del Consiglio sono soddisfatti in caso di i dati su un comparto devono essere un fondo del mercato monetario. “.

76. Nella sezione 523 (4), prima frase, la parola “lavoro” è inserita dopo il numero “50”.

77. Nella sezione 530 (1), il numero “15” è sostituito dal numero “30”.

78. Nella parte tredici, il titolo XIX, compreso il titolo, recita come segue:

“TITOLO XIX

REGISTRAZIONE DI UN FONDO DI MERCATO MONETARIO CHE NON È UN FONDO STANDARD
§ 531

(1) La Banca nazionale ceca deve entrare nell’elenco dei fondi di investimento ai sensi della lettera § 597 (a) o (b) un fondo del mercato monetario come fondo speciale o come fondo di investitori qualificati su richiesta del suo gestore, a condizione che le condizioni di cui all’articolo 5 del regolamento (UE) 2017/1131 del Parlamento europeo e del il Consiglio è soddisfatto.

(2) La Banca nazionale ceca inserirà nell’elenco dei fondi di investimento ai sensi della lettera § 597 (a) i dettagli del comparto del fondo del mercato monetario, che è un fondo speciale o un fondo di investitori qualificati, su richiesta del suo gestore, a condizione che le condizioni di cui all’articolo 5 del Regolamento (UE) 2017/1131 delle Il Parlamento e il Consiglio si incontrano.

(3) Contemporaneamente alla registrazione ai sensi del paragrafo 1 o 2, la Banca nazionale ceca decide in merito all’approvazione del depositario e allo statuto di questo fondo.

(4) La Banca nazionale ceca deve effettuare una registrazione ai sensi del paragrafo 1 o 2 entro 2 mesi dalla data di presentazione della domanda di registrazione, che ha i requisiti prescritti e non presenta altri difetti. ”.

79. Nel § 532, la lettera c) è abrogata.

Le lettere esistenti da d) ad f) sono indicate come lettere da c) ad e).

80. Nella sezione 533 (2), le parole “regolamento dell’Unione europea direttamente applicabile che disciplina la procedura per la selezione del regime regolamentare per i gestori di fondi di investimento alternativi nell’ambito di applicazione della direttiva 14 )” sono sostituite dalle parole “regolamento di esecuzione della Commissione (UE) N. 447/2013 ”.

La nota 14 è eliminata.

81. Nel § 596, la lettera d) è abrogata.

Le lettere esistenti da e) ad h) sono indicate come lettere da d) a g).

82. Nel § 599 paragrafo 1 let. a), § 604 comma 1 lett. a) e nel § 612 comma 1 lett. (t) le parole “previste dal diritto dell’Unione europea direttamente applicabile nel settore della gestione dei fondi di investimento 2) “Sono sostituiti dagli articoli da 3 a 38 del regolamento (UE) n. 583/2010 della Commissione, dall’articolo 1 e dall’allegato I del regolamento (UE) n. 584/2010 della Commissione, dagli articoli da 2 a 111 del regolamento delegato (UE) n. 231/2013, come modificato, articoli 5, 6, 7 (b) (a) o (b) o articoli da 12 a 14 bis del regolamento (UE) n. 345/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, come modificato, articoli 5, 6, 7, lettera a) a) ob) o articoli da 13 a 15 bis del regolamento (UE) n. 346/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, come modificato, articoli da 3 a 31 del regolamento (UE) 2015/760 del Parlamento europeo e del Consiglio, articolo 13 o 14 del regolamento (UE) 2015/2365 del Parlamento europeo e del Consiglio, articoli da 2 a 24 del regolamento delegato (UE) n. 438/2016 della Commissione, come modificato, o ai sensi degli articoli da 4 a 6, da 9 a 21 o dagli articoli da 23 a 36 del regolamento (UE) 2017/1131 del Parlamento europeo e del Consiglio, come modificato ”.

83. Nel § 614 paragrafo 1 let. o) le virgolette sono inserite dopo le parole “fondo del mercato monetario a breve termine”.

84. Nel § 614 paragrafo 1 let. o), § 618 par.1 let. o) e nel § 636 paragrafo 1, le parole “fondo del mercato monetario”, “fondo del mercato monetario a breve termine”, “ETF”, “EuVECA”, “EuSEF”, “ELTIF”, “fondo di investimento europeo a lungo termine “Sono sostituite dalle parole” ETF “Ai sensi del § 50f paragrafo 3 del Capital Market Business Act,” EuVECA “ai sensi dell’articolo 4 del Regolamento (UE) n. 345/2013 del Parlamento europeo e del il Consiglio, “EuSEF” ai sensi dell’articolo 4 del regolamento (UE) n. 346/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio ».

85. Nella sezione 615 (4), la parola “Imprenditore” è sostituita dalle parole “Legale o imprenditoriale”.

86. Nel § 624, alla fine del paragrafo 2, la frase “La sezione 162 paragrafo 2 non viene presa in considerazione per valutare se il diritto di voto è associato alla quota di investimento”.

87. Nella sezione 626 (3), le parole “ai fini delle sezioni da 294 a 327” devono essere inserite dopo le parole “dal fondo”.

88. Nella Sezione 633, Paragrafi 1 e 2, le parole “o un altro regolamento giuridico” devono essere inserite dopo la parola “legge”.

89. Nella Sezione 636 (1), la parola “Chi” è sostituita dalle parole “Ferma restando la normativa direttamente applicabile dell’Unione Europea in materia di gestione dei fondi di investimento 2 ), chi”.

Arte. X

Disposizioni temporanee
1. I fondi di investimento e comparti che non hanno un promotore designato alla data di entrata in vigore della presente legge possono nominare un promotore entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, se deciso a maggioranza semplice di tutti gli azionisti, soci, azionisti, membri della cooperativa o di questo fondo di investimento o comparto. Solo i titolari di azioni di investimento emesse per questo comparto votano sulla nomina di un promotore di comparto di una società per azioni a capitale variabile. Si applicano mutatis mutandis le disposizioni di legge che disciplinano i rapporti giuridici delle società e delle cooperative sull’elezione di un membro dell’organo statutario di una società di persone.

2. Il diritto di voto associato alle azioni di investimento emesse prima della data di entrata in vigore della presente legge scadrà il 1 ° agosto 2021, a meno che nello Statuto non sia specificato che il diritto di voto emesso con le azioni di investimento è associato a tale data.

PARTE NONA

Modifica della legge sulla distribuzione di assicurazioni e riassicurazioni
Arte. XI

La legge n. 170/2018 Coll., Sulla distribuzione di assicurazioni e riassicurazioni, è modificata come segue:

1. Nel § 4, alla fine del paragrafo 5, le frasi “La compagnia di assicurazione mantiene anche un’indicazione di quale delle condizioni specificate nel paragrafo 7 è soddisfatta, ramo e caratteristiche dell’assicurazione offerta, data di origine e cessazione dell’assicurazione , periodo assicurativo, numero di assicurati nell’ultimo trimestre solare e premi contabilizzati per il trimestre solare. La compagnia di assicurazioni trasmette questi dati alla Banca nazionale ceca. L’ambito, la forma, i termini e le modalità di trasmissione dei dati sono determinati dalla legislazione di attuazione. “.

2. Nel § 4, il paragrafo 7 recita:

« (7) Un contraente può offrire la possibilità di diventare una persona assicurata ai sensi del paragrafo 1 solo se

(a) l’ assicurazione si riferisce

1. i beni venduti o i servizi forniti nel corso dell’attività del contraente o dell’attività di un’altra persona a lui collegata, in particolare nel caso dell’assicurazione di solvibilità,

2. l’ appartenenza dell’assicurato a un’associazione di interessi o professionale,

3. impiego, servizio o altro rapporto simile dell’assicurato con il contraente, o

4. attività culturali, sportive o altre attività simili del contraente,

b) avere gli oggetti coperti dall’assicurazione dello stesso proprietario,

(c) l’assicurato e il contraente fanno parte dello stesso gruppo, o

(d) l’assicurazione si riferisce

1. vizi, danneggiamenti o smarrimenti di beni forniti dal contraente,

2. mancato utilizzo o difetti del servizio fornito dal contraente,

3. danneggiamento o smarrimento del bagaglio o

4. altri eventi assicurativi legati al viaggio. “.

3. Nella sezione 86, alla fine della lettera b) la parola “a” è cancellata, alla fine della lettera c) il punto è sostituito dalla parola “, a” ed è aggiunta la seguente lettera d):

” (D) qualsiasi importo da pagare in eccesso rispetto ai benefici concordati contrattualmente, dove per il calcolo deve essere utilizzato un modello con 3 diversi tassi di interesse; l’assicuratore deve informare il cliente in modo chiaro e comprensibile che il calcolo è puramente illustrativo e che il cliente non ha il diritto di derivarne alcuna pretesa contrattuale. “.

4. La sezione 108, compreso il titolo, recita:

㤠108

Reati della compagnia di assicurazioni
La compagnia di assicurazioni commette un reato da

a) non conserva i dati ai sensi del § 4 par.5 frase due o terza,

b) non adempie all’obbligo ai sensi del § 4 paragrafo 5 frase quattro, o

c) in qualità di assicuratore nel calcolare il valore di riscatto, procede in contrasto con la Sezione 81. ”.

5. Nel § 124, il testo “§ 4 par. 5” è inserito dopo la parola “secondo”.

PARTE DECIMA

EFFICIENZA
Arte. XII

La presente legge entrerà in vigore il primo giorno del secondo mese di calendario successivo alla sua promulgazione, ad eccezione della quinta e settima parte, che entreranno in vigore il primo giorno del primo trimestre di calendario successivo alla sua promulgazione.

Link utili:

Studio Praga

Start up in Repubblica Ceca per Società

Traduzioni Ceco

Traduzioni giurate italiano-ceco e ceco-italiano

Targa Ceca

Pratiche auto in Repubblica Ceca, immatricolazioni auto italiane e tedesche

Venice web agency

Sviluppo siti internet dinamici

Do Benatek

Překlady Italština

 Traduzioni asseverate italiano ceco di diplomi, bilanci di società ecc.

Gestioni Praga

Gestione di condomini, alberghi

Hotel Trevi

Centrale, tutte le camere sono con wifi e bagno privato

Società Ceche

Costituzione società commerciali in Repubblica Ceca

Società Praga

Iniziare una attività commerciale a Praga

Traduzioni Ceco

Traduzioni di certificati di nascita e di dichiarazioni di parternità

Italstina Preklady

Traduzioni giurate ed asseverate

Gestione fiduciaria

Costituzione di fondi patrimoniali dove è possibile apportare contanti, azioni, immobili o altri beni di valore.

Società Cechia

Costituzione di società a Responsabilità limitata in Repubblica Ceca a Praga o a Plzen.

Open chat